Riders e fattorini, la prima legge sui lavoratori digitali è della Regione Lazio

Focus

Zingaretti: “Innovazione e diritti devono marciare nella stessa direzione”

Approvata nel Lazio la prima legge in Italia a tutela dei lavoratori digitali. Chi sono? Tutti quei lavoratori che la cui attività è gestita e organizzata da app come ad esempio i riders o i fattorini che consegnano cibo a domicilio. Secondo le stime sono migliaia, di cui 7 mila impiegati dalle piattaforme di food delivery. Le notizie di cronaca ci hanno parlato di una platea di lavoratori senza diritti che rischiano la vita per sottostare a pressanti ritmi di lavoro. Per questo c’era la necessità urgente di mettere delle regole chiare.

E così è nata “una legge partecipata, frutto del confronto con i lavoratori, con le aziende del settore e con i sindacati, per garantire tutele e sviluppo” ha detto il governatore Zingaretti, perché “innovazione e diritti devono marciare nella stessa direzione”. Con la nuova normativa si riconosce la tutela dei lavoratori in caso di infortunio sul lavoro e malattie professionali; si assicura la formazione in materia di sicurezza; si dispone a carico delle piattaforme l’assicurazione per infortuni, danni a terzi e spese di manutenzione per i mezzi di lavoro; si introducono norme sulla maternità e sulla previdenza sociale; si ribadisce il rifiuto del compenso a cottimo e si introduce un’indennità di prenotazione nel caso in cui il mancato svolgimento dell’attività di servizio non dipenda dalla volontà del lavoratore.

Per quanto riguarda la definizione della paga base e premialità si rimanda invece alla contrattazione collettiva, superando l’attuale situazione in cui sono esclusivamente i datori di lavoro a dettare le condizioni economiche.

La Legge prevede, inoltre, la realizzazione di un Portale del lavoro digitale a cui si possono iscrivere lavoratori e piattaforme e che permette di godere degli strumenti e contributi messi a disposizione dalla Regione Lazio.

Sarà invece la nuova Consulta regionale del lavoro digitale a permettere il continuo aggiornamento dei temi e della consultazione tra le parti. Alla Consulta, inoltre, spetta l’elaborazione di una Carta dei diritti dei lavoratori digitali con l’obiettivo di promuovere principi, regole e tutele a garanzia dei lavoratori e delle piattaforme nonché di sostenere il principio di consumo responsabile. Per il biennio 2019-2020 sono messi a disposizione 2 milioni e 100 mila euro per le politiche di assistenza e per la realizzazione del portale dedicato.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli