L’Europa è salva

Focus

L’avanzata dei sovranisti che avrebbe dovuto rivoluzionare il Parlamento Europeo non c’è stata. E per il governo italiano è una notizia da non sottovalutare affatto

Questa Europa è morta. A maggio cambia tutto. Per un anno Matteo Salvini e Luigi Di Maio non hanno detto altro. Quando i commissari europei li hanno messi in riga, dopo che il governo gialloverde aveva presentato una finanziaria con spese folli, deficit alle stelle e nessun investimento per la crescita, i due vicepremier si sono pavoneggiati, prefigurando una specie di rivoluzione la cui data sarebbe stata quella del 26 maggio.

Ebbene, al di là del drastico ridimensionamento del Movimento 5 Stelle rispetto alle elezioni politiche dello scorso anno e del risultato della Lega, le brutte notizie per i nazionalpopulisti arrivano dal resto dell’Unione. L’onda sovranista che avrebbe dovuto allineare il continente ai desiderata nostrani, non c’è stata. Quelli che saranno i gruppi parlamentari a Strasburgo dei gialloverdi non avranno il potere sperato da Salvini e da quello che è ormai diventato il junior partner del governo.

I Popolari saranno il primo gruppo parlamentare, seguito da Socialisti e Democratici, Liberali e Verdi. Solo al quinto posto i Conservatori, poi l’Enf (il gruppo della Lega) e il gruppo di Cinque Stelle e Farage. Un risultato che rischia di isolare ancora di più il governo italiano, già percepito come un problema dalle cancellerie europee, e che invece dà una rinvigorita spinta al progetto europeista. Chi voleva distruggere l’Unione dovrà rivedere i suoi piani.

L’avanzata sovranista, alla luce dei risultati arrivati alla spicciolata da ogni parte del continente, c’è stata solo in Italia e in Francia. Un dato preoccupante, da non sottovalutare, ma che è stato parzialmente mitigato dalla sostanziale tenuta di Macron e dalla ripartenza del Partito Democratico.

In Germania gli estremisti di Alternative fuer Deutschland escono male dal voto, arretrati rispetto alle ultime elezioni federali. In Olanda Geert Wilders sta scomparendo e il nuovo leader populista Thierry Baudet non ha sfondato. In Spagna il fenomeno Vox si sta sgonfiando, in Portogallo i sovranisti sostanzialmente non esistono, nei Paesi scandinavi tengono i socialdemocratici e avanzano i liberali. Anche nei Paesi dell’Est, a parte l’Ungheria in cui Orban gioca un’altra partita a livello democratico, le dinamiche politiche si muovono in una direzione diversa rispetto agli ultimi anni.

Un quadro che dovrà far riflettere, e non poco, vincitori e vinti delle nostre elezioni. Il progetto europeo è più vivo che mai, se l’obiettivo è andare al muro contro muro con Bruxelles, dovranno rivedere i piani, perché loro nel breve periodo potranno ancora usare i “burocrati” come un alibi, ma l’Italia potrebbe uscire con le ossa rotte da questo rischiosissimo delirio propagandistico.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli