“Libri Come”, a Roma la rassegna che abbatte i confini

Focus

Si comincia il 16 marzo con un evento che coinvolgerà in contemporanea 14 biblioteche della Capitale. Attesi, tra gli altri, Ian McEwan ed Emanuel Carrere

“Libri Come”, La Festa del Libro e della Lettura ospitata come ogni anno dall’Auditorium Parco della Musica di Roma, quest’anno avrà inizio il 16 marzo all’insegna del tema dei “Confini”. E la grande novità è che saranno proprio i confini della rassegna i primi ad essere superati: gli incontri e le conferenze legate a questa edizione si estenderanno infatti a tutta la città, grazie alla collaborazione con 14 biblioteche che copriranno il centro e la periferia della Capitale. “I Confini da esplorare sono prima di tutto quelli di Roma, andando oltre l’Auditorium. Proprio in questo senso abbiamo voluto espandere questa edizione alle 14 biblioteche della città con un’inaugurazione differente dagli altri anni” sottolinea il presidente della Fondazione Musica per Roma, Aurelio Regina.

Lo scrittore inglese Ian McEwan

Lo scrittore inglese Ian McEwan

L’inaugurazione di “Libri Come” costituirà un piccolo “evento”: alle ore 19 del 16 marzo, 14 autori racconteranno un libro, ognuno in una delle biblioteche che hanno aderito alla rassegna, mettendo così in moto una manifestazione che toccherà nello stesso momento tutte le zone della Capitale. “L’inaugurazione con una giornata che coinvolge 14 biblioteche è un elemento di novità importante che si inserisce in uno schema di lavoro. ‘Libri Come’ apre una stagione che proseguirà con il Festival delle Letterature a Massenzio e poi con ‘Più Libri più Liberi’ che nel 2017 sarà alla Nuvola di Fuksas”, ha dichiarato il vicesindaco di Roma, Luca Bergamo.

Un altro elemento di novità dell’edizione 2017 di “Libri Come” è lo spostamento dal tradizionale Spazio Garage dell’Auditorium verso sale più piccole: “Per dare al libro una nuova dimensione di concentrazione. Il tema scelto quest’anno merita riflessioni più approfondite. Ci sembra una bella sfida”, ha detto al proposito Marino Sinibaldi, che con Michele De Meri e Rosa Polacco cura la manifestazione.

Tra gli oltre 100 incontri e i 300 scrittori ospiti della tre giorni, i più attesi sono senza dubbio Ian McEwan, Emanuel Carrere, Carlos Ruiz Zafon e Juan Pablo Escobar. La chiusura della rassegna sarà dedicata al decennale de “La Casta”, il discusso libro uscito nel 2007 di Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella, che si andranno ad aggiungere al ricco parterre degli ospiti coinvolti nella tre giorni; dal vincitore del Man Booker International Prize 2016, Paul Beatty, a Gipi, da Pif a Zerocalcare, passando per molti altri autori, questa edizione sembra davvero volerci offrire una visuale che superi qualsiasi “Confine”.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli