Addio a Lina Fibbi, partigiana operaia

Focus

L’ultimo saluto le sarà dato martedì 23 alle ore 11 presso il Cimitero Acattolico di Roma in Via Caio Cestio 6

Ci ha lasciati la compagna Lina Fibbi. Novantotto anni vissuti con la statura e la dignità dei migliori. Il destino ha voluto che se ne andasse proprio il 21 di gennaio, nell’anniversario della nascita del Partito Comunista Italiano, cui ha dedicato tutta la sua vita e di cui è stata per due legislature deputata, moltissimi anni fa.

Nata a Fiesole, è cresciuta in Francia, ove il padre aveva riparato per sottrarsi alle squadre fasciste. Lì inizia la sua lunga militanza politica e sindacale. Torna in Italia per partecipare alla Resistenza e conosce periodi durissimi di internamento e reclusione. Ma conosce anche Raffaele, partigiano e medaglia d’oro al valor militare. Il papà di Gianna, fucilato nel 1945.

A lei l’abbraccio e il pensiero di chi proverà, nel suo piccolo, a seguire l’esempio di chi ha dedicato e sacrificato la sua vita per la nostra felicità e la nostra libertà.

L’ultimo saluto le sarà dato martedì 23 alle ore 11 presso il Cimitero Acattolico di Roma in Via Caio Cestio 6.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli