Prodi e Veltroni: ripartire uniti da Lazio e Lombardia. E Bersani ora apre

Focus

I padri nobili del Pd scendono in campo per ritrovare il “buon senso”

Unità e centrosinistra. Quante volte abbiamo visto queste due parole insieme: invocate dai militanti e inseguite dai dirigenti. Un percorso difficile, spesso tortuoso ma non impossibile. Per questo, nelle ultime ore, sono tornati in campo i padri nobili del Pd Walter Veltroni e Romano Prodi per non buttare via l’opportunità di vincere insieme. Il campo di battaglia, anche se non è ancora escluso, non è ancora il terreno politico nazionale ma quello regionale: Lazio e Lombardia. Almeno lì, dicono quasi in coro l’ex Premier e il primo segretario, non ci si può dividere.

E stamattina Pier Luigi Bersani e Enrico Rossi sembrano raccogliere l’invito: “Proviamo a trovare un’intesa in Lazio e Lombardia”. 

Così gli incontri sono ripresi: l’obiettivo è sfidare insieme il fronte berlusconiano e grillino. Mentre su Zingaretti il lavoro sembra (ma solo apparentemente) più facile perché Pietro Grasso e il governatore uscente si conoscono e si stimano, sulla Lombardia la questione è più difficile da gestire. Il candidato scelto dal Pd, Giorgio Gori non piace e già ne è stato trovato un altro, Onorio Rosati. Ma una decisione definitiva non è ancora stata presa e sopratutto il ritiro di Maroni ha riaperto i giochi.

O forse è solo una presa di tempo. All’interno di Leu, infatti, sono sorti già i primi dissapori con la parte più oltranzista, quelli di Sinistra italiana. Stefano Fassina, per esempio, il più impegnato nel non sostenere Nicola Zingaretti in Regione, però è in minoranza. In queste ore in tanti stanno cercando di convincerlo che, come disse D’Alema, Zingaretti “non è Renzi”.

Un appello all’unità arriva anche da Susanna Camusso, leader della Cgil. Spesso critica con il Pd, in questa occasione elettorale, dalla pagine di Repubblica, auspica un candidato unico in Lombardia: “Sarebbe un passo importante per poter affrontare una partita strategica anche a livello nazionale”. Ora dalla parole si deve passare ai fatti.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli