Corea del Nord: “Test con bomba H”. Ma per gli Usa è “una provocazione”

Focus

Il Consiglio di sicurezza, riunito d’urgenza, condanna all’unanimità il gesto di Pyongyang e promette nuove sanzioni

Una “chiara minaccia alla pace e alla sicurezza internazionali”, contro la quale saranno decise “misure aggiuntive” alle sanzioni contro la Corea del Nord, che arriveranno “in una nuova risoluzione”. È questa la decisione presa all’unanimità dal Consiglio di sicurezza dell’Onu, che si è riunito d’urgenza dopo l’annuncio di Pyongyang di aver fatto esplodere la scorsa notte una bomba all’idrogeno. L’obiettivo è arrivare in fretta alle nuove misure contro il regime dittatoriale di Kim Jong-un. Molto probabilmente, però, si aspetteranno prima l’esito di studi indipendenti per capire se effettivamente l’esplosione fosse dovuta a una bomba H.

Gli Stati Uniti, però, al momento tendono a escludere questa ipotesi: sulla base di quanto emerso da alcune analisi iniziali sul test eseguito dalla Corea del Nord, non si tratterebbe di una bomba a idrogeno, ma che quella di Pyongyang sia una provocazione.

La Corea del Nord è giunta “una provocazione e una violazione delle norme internazionali”, ha spiegato il portavoce della Casa Bianca, Josh Earnest. L’Onu si augura quindi che Kim Jong-un metta subito fine alle attività nucleari nel suo Paese e non venda le tecnologie acquisite a nessuno mentre gli Usa e la Corea del Sud minacciano Pyongyang di ritorsioni.

Il ministero della Difesa di Seul ha riferito che Coreadel Sud e Usa, a seguito di una telefonata tra il numero uno del Pentagono Ashton Carter e il suo omologo sudcoreano Han Mon Koo, intendono coordinarsi per una reazione “appropriata” – ma non sono stati forniti ulteriori dettagli su tempi e modi – nei confronti della Corea del Nord.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli