Servizi sociali della Val D’Enza, l’inchiesta “Angeli e Demoni” disvela l’orrore

Focus

Affari con i minori tolti alle famiglie, in manette il sindaco di Bibbiano e altri 17 professionisti. L’inchiesta: i piccoli suggestionati in psicoterapia anche con impulsi elettrici

Andando a leggere le carte dell’inchiesta non a caso chiamata ‘Angeli e Demoni’ sulla rete dei servizi sociali della Val D’Enza, non possono che venire in mente le fiabe popolate da orchi, streghe e animali feroci che divorano i bambini e la loro innocenza.

Il quadro accusatorio è raccapricciante. I piccoli venivano sottoposti ad ore e ore di intensi ‘lavaggi del cervello’ durante le sedute di psicoterapia. Bambini suggestionati con l’uso di impulsi elettrici per poi essere strappati alle famiglie e affidati a persone con problematiche psichiche e con figli suicidi.

Due i casi accertati di stupro presso le famiglie affidatarie e in comunità, dopo l’illegittimo allontanamento. Un business, a quanto pare rodato, in cui i piccoli erano sottoposti ad una “macchinetta dei ricordi”, un sistema che in realtà avrebbe “alterato lo stato della memoria in prossimità dei colloqui giudiziari”.

 I carabinieri, coordinati dal sostituto procuratore Valentina Salvi, hanno eseguito 16 ordinanze di custodia cautelare tra Emilia Romagna e Piemonte nei confronti di altrettante persone tre politici, medici, assistenti sociali e liberi professionisti che, da diversi anni, avevano messo in piedi un’ illecita e redditizia rete da cui era difficile sottrarsi.

I destinatari delle misure cautelari sono accusati, a vario titolo, di frode processuale, depistaggio, abuso d’ufficio, maltrattamenti su minori, lesioni gravissime, falso in atto pubblico, violenza privata, tentata estorsione, peculato d’uso. Sei persone sono state sottoposte alla misura cautelare degli arresti domiciliari; tra loro c’è il sindaco Pd di Bibbiano, Andrea Carletti. I militari lo hanno prelevato alle prime ore del giorno dalla sua abitazione, l’hanno prima portato in Comune e quindi in caserma. Fiducia incondizionata è stata espressa dalla sua giunta. E solidarietà è stata dichiarata anche da parte dell‘Unione reggiana dei Comuni della Val D’Enza

“Non si trasformi in polemica politica una vicenda raccapricciante che vede come vittime dei minori” ha chiesto Gianmario Gazzi, presidente del Consiglio dell’Ordine degli assistenti sociali auspicando che non vengano fatti “processi sommari” e promettendo rigore “se qualcuno ha abusato del proprio ruolo”.

Ma l’affondo politico e strumentale non manca. Luigi Di Maio attacca sull’Emilia-Romagna: “Quello che viene spacciato per un modello nazionale a cui ispirarsi sul tema della tutela dei minori abusati, il modello ‘Emilia’ proposto dal Pd, si rivela oggi come un sistema da incubo”. Secca la replica del segretario Pd Nicola Zingaretti: “Schifoso e orribile quanto emerge dall’inchiesta ‘Angeli e Demoni’ sulla gestione di minori. Si vada avanti, fino in fondo, per accertare le responsabilità, la verità e per punire i colpevoli senza esitazione. Patetici i tentativi di strumentalizzare politicamente questo dramma”.

I minori – raccontano gli investigatori – venivano allontanati dalle rispettive famiglie attraverso le “più ingannevoli e disparate attività”. Tre queste, sempre secondo la ricostruzione dei militari, relazioni mendaci, disegni dei bambini artefatti attraverso la mirata “aggiunta” di connotazioni sessuali, terapeuti travestiti da personaggi “cattivi” delle fiabe messi in scena ai minori in rappresentazione dei genitori intenti a fargli del male, falsi ricordi di abusi sessuali ingenerati con gli elettrodi.

Il tutto durante i lunghi anni nei quali i Servizi sociali omettevano di consegnare ai bambini lettere e regali dati dai genitori naturali che i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato in un magazzino dove erano accatastati.

Non essendo una fiaba, non è previsto alcun lieto fine, ciò che rimane è solo l’orrore. La giustizia farà il suo corso. Ma l’innocenza non tornerà più indietro.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli