A maggio calano i disoccupati, ma…

Focus

Buoni i dati sull’occupazione, anche se influenzati dagli stagionali. Confindustria sottolinea che la nostra economia resta debole nel secondo trimestre

Quando arriva la notizia di un calo della disoccupazione è sempre una bella notizia. Qualunque sia alla guida del Paese c’è da gioire se sempre più trovano lavoro. Ci sono però dei ma. Perché l’analisi dei dati deve essere completa. A maggio secondo i dati diffusi dall’Istat sono 67mila gli occupati in più rispetto ad aprile.

Maggio è sempre un mese positivo per l’occupazione, perché è il mese in cui vengono programmate le assunzioni per gli stagionali, coloro che lavoreranno nelle strutture turistiche, enogastronomiche e tutte le attività collegate all’estate. Infatti oltre la metà di nuovi ingressi siano lavoratori autonomi (partite Iva) e contratti a termine. Dato che fa capire come gli stagionali abbiano contribuito a portar su il numero di occupati. Nessuna accusa, è una cosa che succede ogni anno. Ci sono poi  numerose deroghe al decreto dignità operate attraverso la contrattazione (in primis quella di prossimità ex articolo 8 della manovra Sacconi). Alla fine su 67mila occupati in più, 40mila sono precari.

Dunque si è scesi sotto la soglia del 10% di disoccupati (a maggio il 9,9%) e come dicevamo è una buona notizia, una delle poche in quest’ultimo anno che ha visto la nostra economia crollare. Se prendiamo i primi 5 mesi del 2019 poi, vediamo che gli occupati sono aumentati di poco meno di 100mila unità e oltre la metà sono  contratti precari.

Arrivano dati negativi sulla nostra economia da Confindustria che sottolinea come le sue condizioni siano “rimaste deboli nel secondo trimestre” e si profila un “andamento negativo per la produzione industriale, attesa in calo di 0,7%, nonostante un modesto recupero in maggio-giugno”, spiega il Centro studi di Confindustria, sottolineando che è “penalizzata da tassi sovrani alti solo nel nostro Paese” e che l’export è “moderatamente positivo, gli investimenti in flessione e i consumi non accelerano”.

E poi c’è il dato che allarma Confindustria, vale a dire quello dei tassi: “Sono alti solo in Italia, mentre negli altri Paesi dell’Eurozona i rendimenti stanno scendendo molto di più e sono ai minimi storici. Tale deviazione dell’Italia dal trend dei tassi riflette le carenze nella programmazione di una politica economica credibile, in grado di dare fiducia a investitori, lavoratori e imprese. La competitività delle aziende italiane ne soffre”.

Per il Pd è Antonio Misiani a commentare i dati che se pur positivi non devono essere accolti da trionfalismi, come invece sono stati accolti da Di Maio: “I dati sull’occupazione diffusi dall’Istat non sono male – sostiene Misiani – ma il vicepremier Di Maio sta facendo di tutto per peggiorarli, con la disastrosa gestione dei dossier Ilva, Alitalia e Atlantia e l’assenza dai 158 tavoli di crisi aperti con 300mila posti di lavoro a rischio. Il boom della cassa integrazione straordinaria e la permanente debolezza della congiuntura economica evidenziata oggi dal Centro studi di Confindustria rendono del tutto fuori luogo ogni trionfalismo. I lavoratori e gli imprenditori italiani non sanno che farsene dei proclami propagandistici sui social. L’unica cosa di cui hanno bisogno è una reale presenza del governo sui problemi concreti del Paese”.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli