Salvini abbandoni la propaganda e utilizzi la legge contro il caporalato che c’è già

Focus
Ernesto Magorno senatore Pd XVIII legislatura

L’Italia si augura che la tragedia di Foggia non accada più e finalmente questi uomini e queste donne possano ritrovare la loro dignità

Hanno lasciato addosso a tutti noi una tristezza e un dolore indecifrabili le morti dei braccianti in Puglia. Un’ingiustizia consumata due volte, sempre sugli ultimi. Immaginiamo i loro viaggi della fortuna dai paesi d’origine, l’arrivo in quei campi di pomodori e poi, stipati gli uni accanto agli altri, la fine di tutto. Quei ragazzi, sfiancati da ore e ore sotto il sole per pochi euro, costretti a sopravvivere in condizioni di estremo disagio e poi riversi senza vita sulla strada, lasciano un noi un’immagine fortissima, che chiama in causa le nostre coscienze e ci obbliga a immedesimarci, ad andare oltre un sentimento di umana pietà e percorrere le strade della soluzioni, dell’operosità e delle azioni.

Ecco perché ci auguriamo che la visita del ministro Salvini a Foggia lo abbia portato a miti consigli su un tema delicatissimo qual è quello dell’accoglienza e dell’integrazione e del contrasto allo sfruttamento. Ci auguriamo, ancora, che abbia inciso nelle istituzioni che oggi rappresenta e lasciato una traccia di umanità e indignazione. Ha potuto toccare con mano il dramma della nuova schiavitù, del lavoro nero che vale più delle vite umane.

Il mondo è cambiato tutto ma nelle campagne ci sono sempre loro, i caporali, spesso in odor di mafia, aguzzini di vite umane. E oggi i nuovi oppressi hanno un colore della pelle diverso, ma sempre oppressi sono. Oggi come 50 anni fa. Oggi come negli anni ’60 e ’70, quando ad arare i latifondi, sfiancati dalla fatica e dallo sfruttamento c’erano i contadini calabresi. Oggi in Puglia e ieri nelle miniere del Belgio, dove tanti emigrati italiani hanno perso la vita lavorando sotto metri di terra.

Per cui, ministro Salvini, abbandoni la propaganda e la frenesia social e faccia tesoro di questa giornata densa di dolore e di tristezza ed elabori soluzioni legislative e organizzative efficaci soprattutto sul piano preventivo. Per non rivedere più quegli stracci intrisi di sudore e sangue sull’asfalto. Utilizzi e perfezioni la già ottima legge contro il caporalato, che con lungimiranza e coraggio è stata varata dal governo precedente, introducendo una serie di strumenti operativi e legislativi per stanare gli sfruttatori. L’Italia tutta si augura che la tragedia di Foggia non accada più e finalmente questi uomini e queste donne possano ritrovare la loro dignità.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli