Ricordare i manicomi, celebrare la dignità delle persone

Focus

Forse non basta ricordare. È importante istituire la Giornata nazionale della dignità della persona non solo perché non si riaprano mai più i manicomi, ma per i rispetto dei più deboli, a cominciare dai malati

Compie 40 anni la legge Basaglia approvata il 13 maggio del 1978. Famosa perché decretò la chiusura dei manicomi aveva come titolo “accertamenti e trattamenti sanitari volontari e obbligatori” e solo all’art.8 stabiliva che “le norme di cui alla presente legge si applicano anche agli infermi ricoverati negli ospedali psichiatrici al momento dell’entrata in vigore della legge stessa”.

Erano 60 gli ospedali psichiatrici in Italia e nel 1978 ospitavano circa 100.000 degenti per i quali cominciava una nuova vita perché la legge disponeva che “negli attuali ospedali psichiatrici possono essere ricoverati, sempre che ne facciano richiesta, esclusivamente coloro che vi sono stati ricoverati anteriormente alla data di entrata in vigore della presente legge e che necessitano di trattamento psichiatrico in condizioni di degenza ospedaliera”. Cominciava così il processo di chiusura frutto di una lotta cominciata negli anni precedenti e che, senza l’approvazione della legge, avrebbe portato ad un referendum popolare, promosso dal Partito Radicale, per l’abrogazione degli articoli essenziali della precedente.

Infatti venivano abrogati gli articoli 1, 2, 3 e 3-bis della legge 14 febbraio 1904, n. 36, concernente “Disposizioni sui manicomi e sugli alienati”.

La legge 180 ha avuto il merito di aprire una riflessione più generale sul fatto che in ogni tipo di società ci sono i poveri, i deboli e gli indifesi, ma che comunque il loro stato non ne lede necessariamente la dignità.

È l’atteggiamento o la reazione altrui che può costituire un’offesa alla dignità dell’individuo. La triste realtà è che di solito viene lesa o calpestata proprio la dignità di coloro che si trovano in situazioni sfavorevoli. Quante volte, nei casi di maltrattamento, anziani, poveri e persone fisicamente o mentalmente disabili vengono definiti un peso o una nullità!

La Corte costituzionale, nella sentenza n. 293 del 2000, ha affermato che «quello della dignità della persona umana è, infatti, valore costituzionale che permea di sé il diritto positivo». Per questo la dignità della persona deve sempre riferirsi alla persona umana concreta, quale essa è e non quale dovrebbe essere secondo punti di vista religiosi, filosofici o ideologici. La dignità implica che l’identità specifica di ciascun individuo venga preservata e considerata, come è scritto testualmente nella sentenza n. 13 del 1994 della Corte costituzionale, che afferma che essa «un bene per sé medesima, indipendentemente dalla condizione personale e sociale, dai pregi e dai difetti del soggetto, di guisa che a ciascuno è riconosciuto il diritto a che la sua individualità sia preservata». La dignità non appartiene a chi se la merita, secondo criteri di valutazione assunti dalle leggi dello Stato o risultanti dalla cultura dominante, ma a tutte le persone, qualunque sia o sia stato il loro comportamento. Essa non è soltanto una «dote» dell’essere umano, ma si identifica con la persona per il semplice motivo che un individuo privato della sua dignità soffre della negazione della sua stessa umanità.

Seppur al tempo l’approvazione della legge sia stata accolta da non poche incertezze, in una società impreparata ad affrontare malattie fino a quel momento gestite solo in strutture dedicate, uno degli scopi primari della legge Basaglia era ed è proprio l’integrazione sociale dei malati. A ogni paziente va garantito il rispetto dei suoi diritti, permettendogli di mantenere una rispettabile qualità della vita e di affrontare la terapia senza rinunciare ai rapporti umani, scegliendo anche, se le sue condizioni lo permettono, a quali medici affidarsi e dove effettuare le cure.

In quegli anni furono simbolici gli abbattimenti dei muri che circondavano gli ospedali psichiatrici. In molte situazioni si trattò di un vero e proprio movimento di liberazione che coinvolse studenti e intellettuali oltre che amministrazioni locali. Per esempio a Collegno, sede di uno dei più grandi manicomi italiani, l’abbattimento del muro di cinta rappresentò un vero e proprio ingresso della città e dei cittadini dentro un’istituzione chiusa e con persone segregate.

In moltissimi stanno scrivendo libri e articoli sulla ricorrenza; di grande impatto sono le mostre fotografiche con immagini che più di mille parole documentano la condizione di uomini e donne rinchiusi dentro le mura degli ospedali psichiatrici.

Forse non basta ricordare, forse è meglio compiere un altro passo avanti, per esempio istituire la Giornata nazionale della dignità della persona e potrebbe essere proprio la data del 13 maggio di ogni anno. Non solo perché non si riaprano mai più i manicomi, ma per i rispetto dei più deboli, a cominciare dai malati.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli