La meglio gioventù in piazza: in duemila da Scampia a Chiaiano contro la violenza

Focus

Migliaia di persone in strada: nessuna bandiera. Ad aprire il corteo lo striscione con la scritta: “Basta violenze. Gaetano siamo con te”

Napoli non resta a guardare. Di fronte ai terribili atti di violenza, la città reagisce e scende di nuovo in piazza per far sapere ai ragazzini picchiati selvaggiamente dalle baby gang che non sono soli, che i cittadini sono al loro fianco. Migliaia di persone, nessuna bandiera, nessun simbolo, solo cartelli di solidarietà. Ad aprire il corteo lo striscione con la scritta: “Basta violenze. Gaetano siamo con te”.

Una manifestazione, organizzata dal Collettivo Galileo Ferraris, per dire “basta” alla violenza che attraverserà le zone più difficili del capoluogo campano: il corteo è partito da Scampia per arrivare a Chiaiano, dove lo scorso 12 gennaio il 15enne di Melito, Gaetano, è stato aggredito da un gruppo di almeno dieci coetanei.

Senza dimenticare Arturo, il 17enne accoltellato al centro di Napoli. Si tratta della seconda mobilitazione contro dopo quella promossa dagli studenti del liceo frequentato da Arturo, intitolata “Studenti contro le violenze” e svolta tra il Rione Sanità, via Foria e piazza Carlo III.

Oltre a scuole, associazioni e comitati del territorio, alla manifestazione di oggi partecipa anche Antonella Leardi, la madre di Ciro Esposito, il tifoso del Napoli ucciso da un ultras della Roma e che proprio da Scampia ha più volte lanciato i suoi appelli contro la violenza.

La risposta della città di Napoli è, quindi, la partecipazione, la stessa chiesta ieri dal ministro Minniti dopo il vertice in prefettura per arginare il fenomeno delle baby gang. Serve la collaborazione di tutta la società: “Bisogna spingere di più sulla collaborazione – aveva detto ieri – e spiegare ai nostri ragazzi, alle nostre figlie e ai nostri figli che girarsi dall’altra parte di fronte a un episodio di violenza è qualcosa che non ferisce gli altri, ferisce loro stessi”.

 

Foto Ansa

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli