Martina: “Pronti a supportare l’azione del Presidente Mattarella”

Focus
Maurizio Martina

Il reggente dem intervistato dal Corriere chiama i partiti alla responsabilità: “Il tempo della propaganda è finito”

La situazione di stallo, il governo, il Pd. Parla a 360 gradi il reggente del Partito democratico intervistato dal Corriere della Sera.

Il governo

Sulla questione governo, Maurizio Martina fa una riflessione chiara, partendo da un punto fermo: “Il tempo della propaganda è finito. Ora serve un atto di responsabilità di tutti. Nessuno si può chiamare fuori. Noi siamo pronti a supportare l’azione del presidente della Repubblica: il Pd non farà mancare il suo contributo”.

Una posizione chiara e la presa di posizione netta con cui esclude un governo politico: “Per noi è impossibile immaginare sostegni a governi politici con Berlusconi, Salvini o Meloni, ma ormai anche con i 5 Stelle e con leadership di partiti a noi avversari”.

Cosa dovrà fare il governo del Presidente

Su questo il segretario reggente mostra preoccupazione vista la situazione e le tante scadenze: “Mentre qualcuno parla contro l’Europa, siamo nel mezzo del confronto per il rilancio dell’eurozona e quello è il posto dell’Italia. Bisognerà affrontare poi il blocco dell’aumento dell’Iva, la legge di Stabilità e prima ancora il Def. Per far questo ci vuole un governo in piena carica”.

Il Pd

Anche per quanto riguarda i movimenti interni al Partito democratico Maurizio Martina risponde chiaramente, a partire dall’unità raggiunta in direzione: “La nostra direzione è stata un momento vero, di confronto. So bene che è stato un passaggio delicato e non mi nascondo che la sfida dell’unità vada confermata ogni giorno. Non mi stancherò mai di lavorare per la collegialità e il rilancio del Pd”. E sull’ipotesi scissione: “Non credo alla scissione ma non sottovaluto il momento, molto delicato. Occorre lavorare subito a una riprogettazione profonda del Pd”

Mentre qualche critica l’ha rivolta al comportamento di Matteo Renzi: “Guardi, sono rimasto sorpreso quando ho sentito dire che il confronto sarebbe stato una corsa alle poltrone. Non scherziamo. Usare queste parole è sbagliato”.

 

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli