40 anni senza Aldo Moro, Martina: “Ricordiamo l’uomo e lo statista”

Focus

Una delegazione del Pd ha lasciato una corona di fiori in Via Caetani, luogo del ritrovamento del corpo dello statista

In occasione del 40esimo anniversario del ritrovamento del corpo di Aldo Moro si è svolta in via Michelangelo Caetani la cerimonia di commemorazione. Una corona è stata deposta dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ai piedi della lapide in memoria dell’onorevole nella via in cui il corpo fu ritrovato il 9 maggio 1978 in una Renault 4.

Alla cerimonia erano presenti il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, i presidenti di Camera e Senato, Roberto Fico e Maria Elisabetta Alberti Casellati, il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, la sindaca di Roma Virginia Raggi, il prefetto di Roma Paola Basilone.

La delegazione Pd in Via Caetani

Anche una delegazione del Partito Democratico ha voluto partecipare e lasciare una sua corona di fiori: tra i presenti il reggente Maurizio Martina e diversi parlamentari tra cui Ettore Rosato, Emanuele Fiano e il ministro uscente Graziano Delrio.

“Sono passati 40 anni dall’uccisione di Aldo Moro per mano dei terroristi dalle Brigate Rosse. – ha detto il segretario reggente-. Un attacco diretto alle nostre istituzioni, colpite nella maniera più terribile, prima con la strage di via Fani e poi con l’uccisione del leader della Democrazia cristiana. Noi di fronte a quanto accaduto abbiamo un dovere: quello di ricordare e tramandare la memoria di quei giorni, il coraggio e la forza con cui Aldo Moro affrontò quella prova. La sua figura resta un modello di riferimento per tutti“.

“Fu colpito – aggiunge – l’uomo del dialogo, colui che, in quegli anni bui, stava cercando di portare la democrazia italiana ad una più solida maturazione. Si colpì, non a caso, il simbolo di questo percorso. Il terrorismo cercò di interrompere questo processo con la violenza e il sangue, le istituzioni seppero fronteggiare questa minaccia facendo ricorso alla forza della democrazia. Un monito che non possiamo e dobbiamo mai dimenticare. Oggi vogliamo ricordare l’uomo, il padre e lo statista”.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli