Milano ultima in Europa. E lo spread torna a salire

Focus

La guerra commerciale tra Usa e Cina sui dazi voluti da Trump e le attese per il G7 in Canada fanno aprire i mercati europei in rosso

Le Borse europee avviano in rosso la seduta odierna di scambi. La guerra commerciale tra Usa e Cina sui dazi voluti da Trump e le attese per il G7 in Canada, che oggi e domani riunisce i capi dei sette Paesi più industrializzati e al quale prende parte anche il nostro premier, Giuseppe Conte, pesano sui mercati che avviano le contrattazioni in rosso: Parigi segna -0,63%, Francoforte -1,11%, Londra -0,58%, Amsterdam -0,83% e Bruxelles -0,82%. In flessione anche i mercati asiatici, con Tokyo che chiude in calo dello 0,56%, mentre Wall Street tiene: ieri il Dow Jones ha chiuso in crescita dello 0,38%.

In un clima negativo Piazza Affari è comunque la peggiore e avvia gli scambi lasciando sul terreno l’1,40% sul Ftse Mib e l’1,26% sull’All Share. Male anche lo spread in area 265. 

Ai temi globali il mercato di Milano soffre anche le incertezze sull’implementazione delle nuove misure annunciate dal Governo Lega-M5S, che ancora non convincono. Non sono arrivate rassicurazioni neanche da Luigi Di Maio che ieri all’Assemblea di ConfCommercio ha promesso molto.

<<<Sull’argomento leggi anche Di Maio a Confcommercio? Sembra Forza Italia nel ’94>>>

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli