Diciotti, Salvini non si muove e l’Europa lo snobba

Focus

Faraone: “Non c’è più tempo, risolviamo questo caso assurdo”. Le testimonianze sui 150 migranti deperiti e affetti da scabbia

Sula vicenda della nave Diciotti l’Europa dunque rifiuta il modo di trattare imposto da Salvini e Di Maio, e attraverso il portavoce della Commissione, Alexander Winterstein, ha fatto sapere che “le minacce non sono d’aiuto e non porteranno a avvicinarsi a una soluzione”.

“In Europa le minacce non servono a niente e non portano da nessuna parte – ha spiegato il portavoce della Commissione -. Il solo modo per risolvere le cose in Europa è lavorare insieme in modo costruttiva e di buona volontà. Ed è quello che la Commissione cerca di fare da tempo”.

La situazione sulla nave Diciotti, intanto, è tornata alla normalità e, dopo lo stop alle visite di stamani per uno sciopero della fame dei migranti che avevano rifiutato la colazione, a partire dalle 15 sarà possibile salire a bordo. Lo ha fatto sapere Davide Faraone in un tweet a proposito della nave della Guardia costiera da lunedì sera ormeggiata al molo di Levante, con a bordo 150 migranti dopo che 27 minori non accompagnati sono stati fatti scendere.

Sempre Faraone aveva resa nota la notizia, questa mattina, di uno sciopero della fame intrapreso dai migranti a bordo della nave, aggiungendo che “la situazione si è aggravata e si è fatta delicata. Le condizioni sono terribili… il caldo, la pioggia, solo due bagni per 150 persone, l’incertezza della loro situazione… è una condizione allucinante ed esplosiva ed è comprensibile quanto sta accadendo. Il problema è che c’è un governo che ha sequestrato una nave e chi c’è sopra”.

Nel frattempo è arrivato al porto di Catania il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Miccichè, autore di un post durissimo contro ministro dell’Interno Matteo Salvini (“Ti auguro di riuscire a provare vergogna Non sei razzista: sei solo stro…”, ha scritto, mentre sono attesi intorno alle 13.30 al porto di Catania anche l’ex ministro del Pd, Maria Elena Boschi e il deputato dem, Emanuele Fiano.

Già nella giornata di ieri si erano susseguite le notizie sulle condizioni drammatiche a bordo della Diciotti, grazie alle testimonianze di chi aveva potute fare visita a bordo.

Tra questi lo stesso Faraone, che insieme all’altro parlamentare del Pd Carmelo Miceli ha fatto sapere che quelle dei migranti sono “condizioni pietose, su un ponte a temperature incredibili”, parlando senza mezzi termini di “sequestro di persona ai danni sia dei migranti sia dei membri italiani dell’equipaggio”.

Faraone ha descritto una situazione critica, con molti migranti, costretti a un lungo viaggio e alla sosta forzata a Catania in condizioni di scarsa igiene, deperiti e visibilmente affetti da scabbia.

Faraone e Miceli hanno postato su Facebook un video girato a bordo dell’imbarcazione, in cui sono visibili le condizioni in cui da otto giorni sono costretti a vivere i migranti sulla nave della Guardia costiera. Alcuni di loro sono seduti o sdraiati a terra con dei cartoni a fare da letto, altri mangiano le porzioni di cibo loro consegnate proteggendosi dal sole sotto tendoni sistemati sul ponte, sotto il sole caldissimo degli ultimi giorni di agosto.

Anche per i 27 minori fatti sbarcare ieri grazie al decisivo intervento della procura presso il Tribunale dei minori di Catania, le testimonianze degli operatori hanno parlato di “scheletrini”, di bambini magrissimi, “deperiti e in alcuni casi feriti”.

Prima del blocco di oggi, nella giornata di ieri sono state molte le visite istituzionali sul molo di Levante. A bordo della nave della Guardia costiera sono saliti, oltre ai due democratici, il presidente della commissione Antimafia dell’Assemblea regionale siciliana, Claudio Fava, una delegazione del Garante dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale, l’ex presidente della Camera Laura Boldrini, ed è annunciata la visita di una delegazione di europarlamentari dem.

Mentre anche dall’Onu è arrivato l’appello: “Fateli sbarcare”.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli