Milano insegna: si può dire no

Focus

Mobilitarsi dunque si può: forse da piazza San Babila è partito un segnale che cambia il racconto della situazione italiana

Dunque Milano ha risposto come Milano sa rispondere. In tanti, civilmente, ciascuno con le proprie bandiere – anche senza bandiere. Anche oggi, scandendo un pacifico ma fermo no ai due capi della destra europea Salvini e Orban, Milano è stata la capitale morale del Paese.

In questa “giornata particolare” (ricordate il film di Scola? Salvini e Orban non sono Mussolini e Hitler, ma ogni epoca ha i suoi mostri) la sinistra non è stata a guardare.

Si può fare, allora. Si può dire di no. La lezione forse più importante che viene da piazza San Babila è che non è affatto vero, come da mesi martellano media, editorialisti, sociologi, politicanti, che tutta l’Italia è con Salvini. Che la sinistra è un cane morto. Che manifestare è una pantomima novecentesca.

La verità è che dopo lo smarrimento – che non è certo superato – ti torna la voglia di protestare contro che brandisce gli spauracchi e le paure per instaurare un ordine antico, di destra, antidemocratico, antieuropeo. Ma qualcosa è scattato. Un qualcosa che non dovrà ora disperdersi. Mobilitarsi, dunque, è ancora una volta l’arma vera a disposizione di chi intende difendere le caratteristiche di civiltà delle nostre società europee.

Per un giorno, a Milano ha vinto la politica, non il politicismo “romano”. E i due sovranisti avranno dovuto chiudere bene le finestre, per non sentire il rumore della democrazia.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli