Da Milano a Roma al via le 6000 assemblee del Pd

Focus

Tante le iniziative che si sono già tenute. E il Pd lancia sui social network l’hashtag #6000assemblee, con lo slogan “La storia siamo voi”

Dopo la chiamata alla mobilitazione straordinaria di Maurizio Martina è già partito il treno delle seimila assemblee Pd che, nelle prossime settimane, si svolgeranno tutta Italia nei seimila circoli dem sul territorio. Un canovaccio dal quale ripartire e sul quale ricominciare a scrivere una storia di cui il Paese, è quanto sta emergendo in questi giorni da tante parti dentro e fuori il partito, non può permettersi di fare a meno.

Cento nuovi iscritti a Milano

Ed è vero che, al netto dei personaggi noti che hanno deciso di aderire ai democratici – ultimo in ordine di tempo Tommaso Cerno, che si è iscritto al circolo Aniasi di Milano -, si stanno moltiplicando in queste ore le richieste di iscrizione al partito, non solo da parte di chi già aveva in tasca la tessera ma anche da chi, è questa la buona notizia, per la prima volta ha scelto di dare una mano ai dem, quasi che il voto del 4 marzo avesse rappresentato uno shock dal quale ci si è risvegliati con la voglia di partecipare.

I primi confortanti numeri arrivano in questo senso da Milano, dove dal 4 marzo ad oggi sono già cento i nuovi iscritti, segno che qualcosa di profondo dalle parti dei dem inizia a muoversi.

E proprio a Milano si sono tenute ieri le prime assemblee, dove in particolare quella del Pd metropolitano ha registrato una altissima partecipazione. Il segno , si legge sull’account twitter del Pd milanese, della “voglia di confrontarsi, riflettere insieme, ripartire”. E sempre nel milanese tante le assemblee che si sono già tenute, da Quarto Oggiaro a San Donato.

Passando all’altro lato dello stivale, anche il Pd napoletano ha tenuto ieri la sua assemblea provinciale, solo che qui, raccontano le cronache cittadine, la tensione che si è respirata è stata alta e dopo la richiesta di dimissioni del segretario Massimo Costa da parte di Nicola Oddati, sconfitto al congresso, il clima si è surriscaldato tanto da sfiorare la rissa. Anche questo, in fondo, il segno di un partito che soprattutto al Sud ha la impellente necessità di sciogliere nodi da troppo tempo lasciati irrisolti.

Assemblee affollate a Roma

E anche a Roma, luogo in cui un tentativo di rigenerazione all’interno del Pd è in atto già da tempo, si è partiti con le assemblee. Tra i primi incontri si è svolto ieri quello nella storica sezione Mazzini-Trionfale, alla quale ha partecipato il presidente dem Matteo Orfini, iscritto del circolo; anche questa un’assemblea, come registra lo stesso Orfini in un tweet, molto partecipata.

E sempre a Roma oggi si terrà l’assemblea organizzata dal partito provinciale nel Terzo Muncipio, uno dei due in città, insieme all’Ottavo, dove l’esperienza dei presidenti grillini è già giunta al capolinea, e quella del circolo di via Ostiense.

Il Pd lancia l’hashtag #6000assemblee

Tra le altre assemblee segnalate dai territori, quelle di Catanzaro e di Prato, anche qui con grande partecipazione. E per tenere traccia delle tante iniziative, il Pd ha lanciato sui social network l’hashtag #6000assemblee, insieme all’invito rivolto ai territori a condividere foto, con lo slogan “La storia siamo voi!”.

Un’iniziativa, quella della mobilitazione straordinaria sui territori, accolta con grande favore da tanti dirigenti locali, come ci racconta ad esempio il segretario dem del Veneto, Alessandro Bisato, per il quale “è un’iniziativa buona perché evita di farci lavorare sulle macerie e ci fa fare un ragionamento di condivisione”, o il segretario del Pd Firenze, Marco Recati, che ragiona: “E’ importante perché trasmette concretezza e calma alla base, e ora ce n’è estremo bisogno”.

“E’ fondamentale ripartire dai circoli – continua Recati – che non sono l’unica cosa ma sono un fondamentale punto di partenza. Perché commetteremmo un errore se pensassimo che i nostri iscritti ci seguano ovunque senza essere coinvolti”.
Mentre dal Veneto Bisato annuncia: “Qui in Veneto proporrò delle conferenze programmatiche provincia per provincia con amministratori e iscritti, ma anche con il desiderio di farci meticciare dall’esterno, perché bisogna far entrare ossigeno nuovo”.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli