Spread, sfondato il muro dei 200 punti. L’ammonimento di Padoan

Focus

Lo spread continua a salire sfondando quota 200 punti

“L’aspetto più preoccupante nel ‘contratto’ alla base del governo in costruzione è la sottovalutazione delle conseguenze di certe scelte. Ci si preoccupa dell’Europa, ma le eventuali procedure di infrazione impiegano mesi a svilupparsi, mentre la risposta dei mercati arriva in pochi secondi”. A confermare le preoccupazioni che arrivano dall’Italia e dall’Europa per il nuovo governo giallo-verde è Pier Carlo Padoan in un colloquio con Il Sole 24 Ore.

Cruciale per i mercati il nome del successore all’Economia

E pur non commentando le ipotesi sulla successione, il ministro uscente evidenzia come il segnale ai mercati arrivi anche dal nome del nuovo ministro dell’Economia, “perché – afferma Padoan – dietro al nome ci sono le idee”. E in particolare l’attenzione sarà altissima sui primi passi del nuovo governo come eventuali condoni o la flat tax.

Misure che Padoan boccia senza appello: “La pace fiscale si raggiunge con gli incentivi all’adempimento spontaneo e non con i condoni, e tagli fiscali concentrati sui redditi dei ricchi vanno in direzione opposta rispetto alla crescita inclusiva che deve essere l’obiettivo del Paese”.

Il reddito di cittadinanza? Misura assistenziale insostenibile

E tra le misure insostenibili per l’inquilino di via XX Settembre c’è anche il reddito di cittadinanza che giudica “una misura assistenziale insostenibile. E con misure insostenibili si va a sbattere”. “Piuttosto – aggiunge Padoan – sarebbe utile potenziare il reddito di inclusione”.

Ed è proprio questo capitolo il più dolente e difficile per il governo uscente, il motivo per cui “abbiamo perso le elezioni”, commenta Padoan. “Abbiamo riportato il Paese fuori dalla recessione e gestito difficilissime crisi bancarie, ma sul sostegno ai cittadini abbiamo fatto soltanto i primi passi. Per sfidare il populismo – aggiunge Padoan – occorrevano tempo e misure percepibili subito, ma non dimentichiamo la doppia recessione da cui siamo partiti”.

E lo spread supera quota 200 punti

E nel frattempo lo spread continua a salire e oggi supera i 200 punti. Era da quasi un anno – il 7 giugno 2017 – che non superava questa quota. Quel giorno chiuse a 203 punti per i timori di un possibile voto anticipato a seguito delle trattative sulla legge elettorale poi fallite.

Proprio i dati sugli spread sono un altro elemento che secondo Padoan possono creare non pochi problemi al Paese: “Ci sono segnali preoccupanti, a partire dagli aumenti dell’ultima settimana registrati dai differenziali con i titoli spagnoli e portoghesi, segno di un riposizionamento degli investitori sul rischio; i mercati sembrano in attesa di prendere una posizione chiara, ma l’esperienza insegna che, una volta avviate, queste tendenze sono lunghe e difficili da correggere”.

Ma il punto non nell’atteggiamento remissivo o aggressivo da assumere in Europa: “L’aumento di deficit e debito in questo momento non è nell’interesse degli italiani. Certo che dobbiamo sostenere la crescita, ma se ampliamo il deficit otteniamo soltanto un aumento del debito”.

E gli investitori tornano a punire l’Italia. Piazza Affari dopo un avvio poco mosso tenta il rialzo ma con continui cambi di direzione. Il Ftse Mib segna un +0,16% a 22.780 punti. Sul listino proseguono comunque le vendite o bancari con il mercato che guarda alla formazione del nuovo Governo a cui sta lavorando il premier incaricato, Giuseppe Conte. Maglia nera è Mps (-2,9%), seguita da Ubi (-2,14%), Banco Bpm (-1,96%), Mediobanca (-1,15%), Intesa Sanpaolo (-1,05%), Unicredit (-0,79%). Di contro gli acquisti premiano Leonardo (+1,45%), Fca (+1,56%), Moncler (+1,69%). Fuori dal paniere principale in lieve rialzo Beni Stabili (+0,33%) il cui cda ieri ha dato il via libera alla fusione con Fonciere des Regions.

 

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli