Parigi ripiomba nel terrore. E la Le Pen cavalca la paura

Focus

L’attacco più violento degli ultimi mesi è stato sferrato da un delinquente recidivo

“Mio figlio non è mai stato un terrorista”, ha detto il padre del 39enne ucciso ieri all’aeroporto parigino di Orly dopo aver attaccato una soldatessa. “Non ha mai pregato e beveva – ha aggiunto ai microfoni di radio Europe 1 – era sotto l’effetto di alcool e cannabis”.

Ziyed Ben Belgacem, francese di origine tunisina, ladro multirecidivo segnalato come radicalizzato in prigione, ha urlato di essere pronto a “morire” in nome di Allah durante l’aggressione di ieri allo scalo francese che, secondo gli inquirenti, rappresenterebbe il culmine di un “percorso violento e distruttivo” nella banlieue parigina. Il padre si era presentato ieri spontaneamente alla polizia, insieme a un altro figlio, ed è stato rilasciato: “Quando sono arrivato al commissariato ho scoperto che la polizia aveva fatto il suo lavoro. Loro non mi hanno detto direttamente che era morto. E’ stato uno shock, ma che vuoi? Sono le compagnie e la droga … ma alla fine, sono io che pago”.

La cronaca dell’attacco

“Sono qui a morire per Allah!”: Zyed Ben Belgacem gridava così al primo piano del terminal Sud di Orly, sotto gli occhi sbarrati dei passeggeri, mentre stringeva per il collo una soldatessa. Altri due soldati l’hanno ucciso, dopo una furiosa lotta con la donna, durata due minuti.

Parigi è sprofondata di nuovo nel terrore, a cinque settimane esatte dal primo turno delle presidenziali. Dopo le avvisaglie degli ultimi giorni, l’attacco più violento degli ultimi mesi è stato sferrato da un delinquente recidivo, che un percorso tutto da chiarire ha spinto a trasformarsi in jihadista pronto a tutto nello spazio di poche ore.

Il procuratore Francois Molins, facendo il punto della situazione stasera, ha lasciato aperti tutti gli scenari: si aspetta l’interrogatorio del padre, del fratello e di un cugino del francese Zyed, 39 anni, per capire se l’uomo avesse confidato di voler agire da terrorista. Si aspetta di analizzare la memoria del suo cellulare, lasciato in un bar durante il secondo dei quattro assalti consecutivi lanciati da Zyed in poche ore. Si aspetta di esaminare bene quanto ritrovato in casa sua, nella banlieue dura di Parigi, a Gorges-les-Gonesse. E di capire se avesse ingerito alcol o droghe (diversi grammi di cocaina gli sono stati trovati in casa) Zyed, un delinquente plurirecidivo, condannato nove volte per furti, rapine in banca, spaccio di droga, è rimasto fino a quasi le 3 del mattino in un bar di Vitry, a sud di Parigi, di cui è abituale frequentatore. Con amici, conoscenti, avventori. Poi ha preso la sua Clio bianca ed è ripartito verso il nord della capitale, dove abitava.

L'Infografica di Centimetri illustra luoghi e dinamica di massima del tentato attacco all'aeroporto di Orly, Roma, 18 Marzo 2017. ANSA/ CENTIMETRI

L’Infografica di Centimetri illustra luoghi e dinamica di massima del tentato attacco all’aeroporto di Orly, Roma, 18 Marzo 2017. ANSA/ CENTIMETRI

Alle 6.55 una pattuglia della polizia a Stains lo ferma mentre guidava a fari spenti e a velocità troppo elevata. Mentre il comandante della pattuglia esamina i suoi documenti lui tira fuori una pistola a pallini, quelle in vendita per l’autodifesa, e gli spara alla testa, ferendolo in modo leggero. Poi scappa a tutta velocità e torna a Vitry, al bar.

In stato di evidente alterazione, costringe i clienti presenti ad abbassarsi, li tiene sotto il tiro di una pistola e grida frasi inneggianti ad Allah. Spara 4 colpi, dimentica il cellulare ed esce, partendo a razzo per il suo terzo assalto consecutivo. Si mette alla guida della Clio e, dopo 5 chilometri, blocca una Citroen con una donna e la figlia, le minaccia e se ne va con il veicolo nuovo. Che non è ancora segnalato e può tranquillamente parcheggiare a Orly, terminal Sud. Scende e si dirige verso il primo piano, hall D dove sferra l’assalto finale.

Punta una pistola contro una pattuglia di militari dell’aeronautica che fa la ronda Vigipirate, in mezzo ai passeggeri e ai negozi già aperti. Grida, terrore, gente che fugge: l’uomo ha gli occhi sbarrati, l’arma in mano, una cartuccera a tracolla e uno zaino sulle spalle. Dentro, ci troveranno una tanica di benzina, un Corano, 750 euro in contanti, un pacchetto di sigarette e un accendino.

Alle 8:22 comincia l’attacco: “posate le armi, mani sulla testa, sono qui a morire per Allah, ci saranno di sicuro dei morti!” grida. Poi si lancia sulla donna del trio, una soldatessa armata come gli altri di fucile “Famas”. Prova a disarmarla, ci riesce al secondo tentativo. Si mette il Famas a tracolla, poi punta la pistola alla tempia della soldatessa, minacciando lei e i suoi due colleghi. Per tre volte, la donna, con il coraggio della disperazione, riesce ad afferrare la canna dell’arma che le è stata sottratta e a sollevarsi sulle ginocchia. Per due volte viene respinta a terra, i militari provano a sparare ma non colpiscono l’assalitore, alla terza volta Zyed si espone e uno dei due militari lo uccide sul colpo. “Ho fatto una stronzata, ho sparato alla polizia”, aveva detto Zyed in un’ultima telefonata al padre entrando nella spirale di quella che il procuratore Molins ha definito “un’escalation, un crescendo”.

Era un delinquente comune che, in uno dei soggiorni nel carcere di massima sicurezza di Fresnes, quello dei jihadisti più duri, era stato a rischio “radicalizzazione”. Ma una successiva perquisizione lo aveva trovato “pulito”. Tanto che non era schedato come “a rischio jihad” ma solo come delinquente. Era sotto controllo giudiziario dopo essere uscito dal carcere nel novembre scorso. Ma – dicono i critici questa sera – questo controllo si era colpevolmente allentato.

Il presidente Francois Hollande ha elogiato il coraggio e l’efficacia dei militari ma ha ricordato che l’ipotesi avanzata nei giorni scorsi – fra l’altro anche dal ministro della Giustizia, Urvoas – di mettere fine allo stato d’emergenza, è quanto mai fuori luogo. “Travolti dagli eventi”, “conigli”: questi alcuni degli epiteti rivolti al governo da Marine Le Pen, che ha subito cavalcato gli eventi in un comizio a Metz. Il premier Bernard Cazeneuve l’ha accusata di “tracotanza”.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli