Parolin striglia Grillo: “Nessun politico può autodefinirsi francescano”

Focus

La replica del segretario di Stato Vaticano a Beppe Grillo, che aveva evocato il santo durante la marcia del M5S ad Assisi

“Mamma mia!”. Esclama il segretario di Stato vaticano Pietro Parolin sentendo che Beppe Grillo ha paragonato il Movimento 5 Stelle a San Francesco dicendo: “Siamo noi i nuovi francescani”.

A margine delle iniziative per l’inaugurazione del nuovo santuario della Spogliazione ad Assisi, Parolin protegge la figura del patrono d’Italia, del povero tra i poveri, ricordando che “San Francesco si identificava con Cristo, lui sì che è stato una vera immagine del Cristo tanto che ha meritato addirittura di ricevere nelle sue membra le stimmate e le piaghe”.

Esiste un partito che oggi può identificarsi con San Francesco? “Direi di no. Io non vedo nessun partito, questa è la mia umile considerazione, che possa identificarsi con il messaggio di San Francesco. Forse mai nessuno potrà dire ‘mi identifico con San Francesco’. È un modello talmente alto, non irraggiungibile ma talmente alto che sfugge sempre a qualsiasi identificazione, ma io sono contento se ci sono partiti o persone dentro i partiti che hanno questa attenzione verso la povertà. Questo è positivo e anche che si faccia riferimento alla figura di San Francesco, ora dire ‘ci siamo identificati con lui’…stiamo attenti anche a non manipolare queste cose”.

 


card_nuova

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli