Il Pd chiede i danni a Di Maio per gli ignobili deliri su Bibbiano

Focus

Il capo dei Cinque Stelle ha perso la testa

“Le dichiarazioni demenziali del vicepremier Di Maio il quale collega l’identità del Pd alle vicende drammatiche relative all’inchiesta sui minori che coinvolge il comune di Bibbiano, confermano solo il livello di disperazione di un personaggio che ha fallito il suo obiettivo e scarica la sua bile sugli avversari politici”. Con questa durissima nota il Partito Democratico ha risposto ai vergognosi attacchi del capo politico del Movimento 5 Stelle, che, nella giornata di oggi, ha più volte fatto riferimento ai dem come al ‘partito di Bibbiano’, in maniera del tutto strumentale, senza sapere, come spesso gli succede, neppure di cosa stia parlando.

“Abbiamo denunciato – continua la nota del Pd – la gravità dei fatti portati alla luce dall’inchiesta della Procura di Reggio Emilia ma è fin troppo ovvio che, qualsiasi sia l’esito dell’indagine rispetto alle responsabilità di un sindaco accusato di abuso d’ufficio, accostare a fatti gravissimi l’identità del Pd è un atto irresponsabile e falso. E’ Di Maio, con il suo atteggiamento sprezzante, volgare e ottuso che strumentalizza e utilizza una vicenda drammatica che dovrebbe tenere unite tutte le istituzioni. Ma questo comportamento è solo l’ennesima conferma della pochezza di alcuni individui che stanno governando l’Italia. Il Pd ha dato mandato ai propri legali di sporgere querela per diffamazione e richiesta di risarcimento danni in sede civile”.

La strategia dei Cinque Stelle è fin troppo chiara, anche perché è sempre la stessa. Quando sono in difficoltà cominciano a far girare fake news, utilizzando tutte le piattaforme a propria disposizione per contribuire ad inculcare nella parte di popolazione (per fortuna sempre più minoritaria) che ancora li segue concetti sbagliati e volutamente falsi. Forse Di Maio (e quindi Casaleggio) ha voluto mandare un messaggio all’alleato di governo Matteo Salvini, impaurito dal fatto che possa staccare la spina al governo e mettere in evidenza, con il ritorno alle urne, la crisi irreversibile del Movimento 5 Stelle. Sta di fatto che stiamo parlando di un modo di fare politica assurdo, violento, immaturo. Che non serve all’Italia e agli italiani.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli