Il Pd incontra Campo Progressista: “Serve un nuovo inizio, con pari dignità a tutti”

Focus

Lavoro, lotta alla dispersione scolastica, testamento biologico: questi alcuni dei temi discussi da Fassino e Martina con la delegazione formata da Bruno Tabacci, Ciccio Ferrara e Luigi Manconi

Piero Fassino e Maurizio Martina hanno incontrato questa mattina una delegazione di Campo Progressista formata da Bruno Tabacci, Ciccio Ferrara e Luigi Manconi.

I temi programmatici discussi per costruire una nuova alleanza di centrosinistra sono lo sviluppo sostenibile, il lavoro, la protezione sociale e i diritti. E poi “un forte incremento agli investimenti pubblici” per dare “impulso alla crescita in corso”, si legge in una nota diffusa dopo l’incontro.

“Misure di stabilizzazione del lavoro che favoriscano i contratti a tempo indeterminato, il rafforzamento delle azioni di tutela e di protezioni dei lavoratori di situazioni fragili e di crisi, un piano straordinario per l’occupazione giovanile e femminile, rappresentano necessarie integrazioni al Jobs act – si legge ancora nella nota congiunta – La stabilizzazione pluriennale delle risorse per il Fondo Sanitario Nazionale – e in tale contesto il superamento del super ticket – costituisce una scelta essenziale di rilancio di un sistema universale di welfare.

L’innalzamento dell’obbligo scolastico a 18 anni con un contestuale piano straordinario di azioni per il recupero della dispersione scolastica, l’implementazione della legge 0-6 anni per l’universalità della scuola dell’infanzia, l’incremento delle risorse per scuola e università, devono rappresentare la determinazione di investire sul diritto allo studio e sulla formazione della nuove generazioni.

La messa in sicurezza del territorio, la mobilità sostenibile, la decarbonizzazione, la legge sul consumo di suolo, la promozione dell’economia circolare, sono scelte essenziali per uno sviluppo sostenibile e coerente con gli Accordi di Parigi per la lotta ai cambiamenti climatici. Restituire agli enti locali autonomia fiscale, web tax, agevolazioni per sostenere le famiglie, lotta all’evasione, sono cardini per un sistema fiscale equo e in cui i cittadini si possano riconoscere. L’approvazione entro la legislatura della legge su Ius soli e culturae va accompagnata da forti investimenti nelle politiche di integrazione, a partire dal rafforzamento del sistema SPRAR di accoglienza diffusa nei Comuni e dei servizi sociali ad esso collegati.

Così come deve essere dato robusto impulso all’esperienza dei ‘corridoi umanitari’ che consentano arrivi legali e sicuri nel nostro paese. Va valorizzato il ruolo delle ONG, in particolare per garantire standard di tutela di diritti umani e di condizioni di vita dignitosa nei centri profughi in Libia. Essenziale è proseguire nell’approvazione di leggi relative ai diritti fondamentali della persona e tra esse, prioritariamente, la normativa sul testamento biologico.

Sul terreno politico è necessario che la convergenza intorno ad un nuovo inizio del centrosinistra, se si vuole che ci sia con efficacia e capacità di raccogliere consensi, venga valorizzato riconoscendo pienamente pari dignità e pari ruoli a tutti i soggetti partecipanti all’intesa. Gli argomenti programmatici discussi – a partire dal forte rilancio di un’azione per un’Europa politica e sociale – saranno oggetto di approfondimenti puntuali nei prossimi giorni”.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli