Pd – M5Stelle, 48 ore alla verità

Focus
zingaretti conferenza stampa pd trattativa m5s crisi di governo

Oggi è la giornata decisiva per capire se nascerà il governo giallorosso. Ancora divisioni sul nome del futuro premier. Dal Quirinale si attende la lista con i tempi delle consultazioni dei gruppi parlamentari col presidente Mattarella.

Oggi è la giornata decisiva per capire se il matrimonio fra Pd e M5Stelle s’ha o non s’ha da fare. Azzeriamo tutto: via le indiscrezioni, i retroscena, le ricostruzioni, le dichiarazioni da anonime “fonti”. E misuriamoci sui fatti.

Come al Mundial

Ieri pomeriggio, di fronte al mare magnum di voci e di ipotesi, l’ex ministro Dario Franceschini aveva invocato una sorta di “silenzio stampa” per favorire il non facile negoziota Dem-5Stelle, facendo un paragone con il grande Mundial del 1982:  “Al Mundial82 il silenzio stampa portò fortuna. E’ tutto molto delicato e difficile e per questo faccio una proposta a tutti i compagni di squadra del Pd: fino alla fine della crisi parla solo Zingaretti per tutti, come allora fecero gli azzurri con Zoff“.

Crisi di governo, i tempi delle consultazioni

Il conto alla rovescia sta per scadere. Domani è il termine indicato dal presidente della Repubblica. Ieri Mattarella, insieme al presidente della Repubblica della Germania Federale, Frank-Walter Steinmeier, era in visita a Fivizzano, in Lunigiana, dove nell’agosto del 1944 i nazisti, con l’aiuto dei fascisti, trucidarono, in un pugno di paesini del circondario, oltre 400 persone. Non una parola sulla crisi di governo, ma oggi il Quirinale dovrebbe rendere noti i tempi delle consultazioni delle forze parlamentari.

Pd – M5S, confronto sul nome del futuro premier

Che è successo nel frattempo? Che il nodo vero è rimasto il nome del futuro primo ministro. Il segretario Pd Nicola Zingaretti ha tentato di spostare il confronto sul programma – sul quale ieri hanno continuato a lavorare i 6 tavoli del Pd – per cercare di fare un passo avanti, ma le tende grilline sono rimaste piantate sul nome, senza smuoversi di un passo: o Conte o niente.

E, a proposito di nomi, è successo che Roberto Fico si sia sfilato dalla partita sul premier; ieri una nota ufficiosa recitava: “Roberto Fico ricopre l’incarico di Presidente della Camera dei Deputati e intende responsabilmente dare continuità al suo ruolo“.
E poi, nel pomeriggio di ieri, c’è stata una schermaglia, nemmeno tanto sottile, fra Pd e M5S.
Nel pomeriggio c’era stata la conferenza stampa del segretario Pd, che oggi su Repubblica descrive in poche parole la posizione del partito: “Noi siamo pronti a fare la nostra parte per un governo nuovo e di svolta, anzi la stiamo facendo mettendo a disposizione le nostre idee. Ma occorre un confronto, non siamo disponibili ad essere presi in giro o solo ad accettare diktat o niet via Twitter. Non è cosi che si governa un grande Paese“.

Ieri Zingaretti aveva rimarcato il no a un Conte bis, perché “L’Italia non capirebbe un rimpastone del governo che è caduto. La discontinuità deve essere garantita anche da un cambio di persone“, aggiungendo: “Non crediamo nella formula del contratto, bisogna costruire un programma utile. Incontriamoci da domani e parliamo sui contenuti, senza veti e ultimatum“. Ed ancora: “Noi faremo di tutto per cercare una soluzione possibile che, non nego, a questo punto non si è determinata“.

La replica dei pentastellati arriva, con una nota, dopo qualche minuto: “La soluzione è Conte, il taglio dei parlamentari e la convergenza sugli altri 9 punti posti dal vicepresidente Di Maio. Non si può aspettare altro tempo su delle cose semplicemente di buon senso. È assurdo. L’Italia non può aspettare il Pd. Il Paese ha bisogno di correre, non possiamo restare fermi per i dubbi o le strategie di qualcuno“.

La secca controreplica dem la dà il vice segretario Andrea Orlando: “Sono tre giorni che aspettiamo di parlare dei problemi del Paese mentre i 5 stelle parlano solo di poltrone“.

Questi i fatti, ma al di là della tensione e delle difficoltà, la trattativa va avanti. Si fanno liste di nomi, si dice che il Pd alla fine potrebbe accettare Conte a Palazzo Chigi, si dice che i 5 Stelle abbiano lasciato al Pd i ministeri più importanti: entro 48 ore i “si dice” lasceranno posto ai fatti.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli