Polonia, si muove Berlino: l’Europa non può star ferma a guardare

Focus

Libertà e democrazia sono messe a rischio dalle mosse spudorate del partito di governo

Il ministro della giustizia tedesco giudica favorevolmente eventuali sanzioni dell’Unione europea contro la Polonia a causa delle controverse riforme giudiziarie di Varsavia.

Il ministro Heiko Maas ha dichiarato domenica al settimanale Bild am Sonntag che “l’indipendenza della magistratura è in pericolo in Polonia. Chi dà così poco rispetto al ruolo del diritto deve accettare di isolarsi politicamente”. Ha quindi aggiunto che “l’Unione europea non può stare ferma a guardare. Giustizia e democrazia sono il fondamento dell’Ue”.

La nuove legge giudiziaria polacca, approvata sabato, ha attirato condanne dai leader dell’Ue e ha sollevato importanti proteste in tutto il Paese. Proposta dal partito populista al Governo, la legge dà al presidente e al ministro della Giustizia il potere di nominare e valutare i giudici della Corte Suprema. Questo, secondo molti osservatori, mina l’indipendenza del potere giudiziario.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli