Prodi sul palco di Insieme. L’investitura a Gentiloni: “Con lui per un’Italia forte”

Focus

Il professore e il premier insieme a Bologna: “Abbiamo bisogno di una coalizione di centrosinistra forte perché è l’unica che pone due valori fondamentali, maggiore eguaglianza e maggiore Europa”

Un incontro dal fortissimo valore politico. A Bologna il raduno nazionale di Insieme al teatro delle Celebrazioni si è trasformato in qualcosa in più di una semplice iniziativa elettorale. E infatti Romano Prodi sale sul palco senza nascondere la sua emozione: “C’è una certa commozione, ritorno in una assemblea politica dopo quasi nove anni”.

Il passaggio di testimone

E il motivo del suo gesto assolutamente non scontato è anche per il “riconoscimento a Paolo Gentiloni (presente anche lui sul palco bolognese, ndr) per il lavoro che sta facendo in un momento difficile in cui abbiamo bisogno di mostrare un paese sereno, che ha idee chiare, che riconosce i propri limiti e i propri meriti nell’ambito europeo e ricostruisce un ruolo per avere una influenza nel mondo, per essere l’Italia che noi vogliamo: sana, forte, rigorosa”. Le parole del Professore sono chiare, importanti, passando simbolicamente l’Ulivo nelle mani del premier, al quale va il suo endorsement, e tornando a sottolineare l’importanza del centrosinistra unito, “un contributo plurale per una vittoria comune”.

Il centrosinistra e lo strappo di Leu

Prodi si è detto rammaricato per la scissione di Leu: “Mi sono pronunciato in modo sfavorevole verso amici cari della scissione che hanno indebolito enormemente questo disegno. E’ così importante che coalizione di centrosinistra abbia un ruolo in queste elezioni”.

“Sono qui per sostenere la coalizione di centrosinistra – ha detto ancora Prodi – ma soprattuto questa parte della coalizione. A Insieme mi sento particolarmente legato perché porta avanti la logica che era il mio sogno, quello di vedere unito il centrosinistra. Abbiamo bisogno di una coalizione di centrosinistra forte perché è l’unica che pone due valori fondamentali, maggiore eguaglianza e maggiore Europa”.

E anche Gentiloni ha evidenziato l’importanza della presenza di Prodi all’evento di Insieme e aggiunge: “Noi siamo nati come Ulivo sotto leadership di Romano Prodi, per andare al governo. Quella resta la nostra ispirazione, il nostro impegno, anche dopo vent’anni. Quegli slogan che ogni tanto venivano da un professore di Sassari (Arturo Parisi, ndr), ‘uniti per unire’, se li andate a riguardare sono tuttora il tessuto della coalizione del centrosinistra a guida Pd che oggi si presenta alle elezioni”.

“Abbiamo vinto due volte con Romano, non sempre riusciamo a vincere. Negli ultimi anni di Prodi mi ha sempre colpito questa sua straordinaria capacità di tenere insieme radici del territorio e la visione globale”, di ampio respiro internazionale. “Al di là” dei ricordi “della bella stagione Prodi è un leader che può dare a tutti noi ispirazione”.

Riformare la legge elettorale

In Italia “dobbiamo riaccorparci, ricreare, ricostruire una democrazia efficace”. E abbiamo bisogno di una nuova “legge elettorale, che dovrebbe essere fatta subito, all’inizio della legislatura”, ha detto l’ex presidente del Consiglio. “In questo momento siamo tutti ad adorare la Francia, ma senza la legge elettorale francese la Francia sarebbe in una situazione assolutamente ingovernabile – ha spiegato Prodi – Dobbiamo tenere presente che queste cose che si fanno a inizio legislatura”.

Insieme ringrazia Prodi e Gentiloni

Giulio Santagata, Riccardo Nencini e Angelo Bonelli hanno poi ringraziato Prodi e Gentiloni per la loro partecipazione all’iniziativa. E in particolare il riconoscimento è andato al Professore per le sue parole che “ci serviranno da stimolo nel prosieguo di questa campagna elettorale”, hanno commentato ricordando le dichiarazioni di Prodi agli “amici della Lista Insieme perché portano avanti gli stessi valori che sono stati alla base dell’Ulivo e che io profondamente condivido. È il mio sogno quello di vedere unito il centrosinistra”. “È proprio questa la nostra missione – hanno commentato Santagata, Nencini e Bonelli – quella di tenere unito il centrosinistra per battere le destre e i populismi”.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli