Di padri, figli, nipoti e, soprattutto, di inclusione

Focus

Nel Pd serve un confronto paziente e incessante di culture, di sensibilità, di linguaggi fra i protagonisti delle varie generazioni, una sorta di interculturalità longitudinale

Credo che Romano Prodi abbia colto nel segno. Il grande psicoanalista Donald W. Winnicott parlava di “madre sufficientemente buona”: tale, cioè, da trasmettere affetto e da porsi in sintonia con i figli senza ostacolarne la crescita, e anzi favorendola. Ora come ora il popolo dem è piuttosto frastornato e un genitore “sufficientemente buono” come Nicola Zingaretti non guasterebbe.

Si tratti di figli maggiorenni, beninteso; eppure, forse, ancora bisognosi di un po’ di “accudimento”, in un momento tanto difficile. Accanto alla sfera cognitiva, infatti, ve ne sono almeno altre due: quella volitiva, delle motivazioni profonde, e quella affettiva. Essere adulti o autonomi, del resto, non corrisponde all’autosufficienza. Chiedere aiuto può anzi rappresentare un formidabile atto di maturità. E’ stato un errore, piuttosto, concepire una sorta di guerra fra generazioni diverse: vi era sì bisogno di lottare, ma non sulla base dei soli dati anagrafici. No alla gerontocrazia, naturalmente; sì, nel caso, anche a un incontro fra “nonni” e “nipoti”, rispetto alla generazione “di mezzo”, quella del baby-boom, responsabile di tanti errori.

Insomma: occorre un confronto paziente e incessante di culture, di sensibilità, di linguaggi fra i protagonisti delle varie generazioni, una sorta di interculturalità longitudinale.

Spesso la politica si riduce a scontro sterile, a un momento e a un luogo di sopraffazione e tutto finisce per inaridirsi, per desertificare. Andrebbero recuperate o valorizzate altre dimensioni: la condivisione, l’inclusione, la capacità di imparare dall’altro, di emozionarsi e di provare sentimenti con l’altro. L’inclusione, in particolare, è l’essenza della sinistra. Poi, come è intuitivo, vanno individuati i passaggi e le forme per realizzarla, ma guai a smarrirne il senso.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli