Puigdemont conoscerà il suo destino entro 24 ore

Focus

Entro domattina il giudice istruttore belga deciderà se dovrà tornare in carcere

Il giudice belga si è rifiutato di eseguire il mandato di arresto europeo a carico dell’ex presidente catalano Carles Puigdemont e dei suoi 4 ex ministri. Il portavoce della procura belga Gilles Dejemeppe ha confermato che i cinque ricercati dalle autorità spagnole si sono presentati spontaneamente in commissariato e sono state prese in custodia alle 9:17.

Il mandato di arresto europeo è stato loro notificato, poi Puigdemont e i suoi 4 ex ministri sono stati rilasciati con la condizionale su cauzione. Ora la palla passa al giudice istruttore, che ascolterà i cinque separatamente e che entro 24 ore deciderà dovranno tornare in carcere.

Intanto il PDeCAT, partito dell’ex presidente della Generalitat catalana, ha deciso oggi che Carles Puigdemont sarà il primo candidato del partito alle elezioni del prossimo 21 dicembre in Catalogna, a capo di una lista unica formata da tutte le forze indipendentiste. “Vogliamo che il presidente Puigdemont continui ad essere la persona che guida una grande lista del paese il prossimo 21 dicembre”, ha annunciato la coordinatrice generale del Partito democratico europeo catalano, PDeCAT, Marta Pascal, durante il consiglio nazionale del movimento a Barcellona. Pascal ha chiesto che il PDeCat si presenti in una lista comune con le altre forze favorevoli all’indipendenza, Esquerra Republicana de Catalunya (ERC) e Candidatura de Unidad Popular (CUP).

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli