Su Raidue arriva “Adesso Sì”: 4 storie d’amore ad un anno dalla legge sulle unioni civili

Focus

Stasera in seconda serata le storie di 4 coppie che hanno scelto di unirsi civilmente

A un anno di distanza dall’approvazione della legge sulle unioni civili, stasera, martedì 4 luglio alle 23.35 su Raidue, va in onda Adesso sì,  il programma che ripercorre la storia di 4 coppie omosessuali che hanno scelto di unirsi civilmente.

Il racconto delle singole cerimonie – con tutte le fasi obbligatorie del caso, dalla scelta del ristorante alla location, fino all’abito e al bouquet – sarà la cornice all’interno della quale le coppie si racconteranno con particolare riguardo alle lotte e alle battaglie civili che hanno condotto il paese verso questo storico passo.

Cristian e Daniele

Christian e Daniele

Le coppie provengono da diverse parti di Italia e hanno tutte delle storie differenti. Ci sono Salvatore e Alberto, di 61 e 69 anni di Borgomasino (in provincia di Torino), entrambi in pensione e che hanno deciso di unirsi civilmente dopo ben 37 anni di vita insieme.  Gabriella e Michela di Perugia, di 39 e 52 anni, che hanno già un figlio, Lukas, di 4 anni, per il quale sono dovute andare in Danimarca. E poi Christian (34 anni) e Daniele (44 anni), di Roma, che si sono conosciuti 10 anni fa e fanno parte del comitato che si occupa dell’organizzazione del Roma Pride. Infine ci sono Serenella (46 anni) e Elisabetta (50 anni), di Palermo, che si sono incontrate già grandi e hanno entrambe un passato alle spalle. Elisabetta ha avuto un matrimonio e una figlia, Giulia di 21 anni che oggi vive a Londra, mentre Serenella ha avuto diverse relazioni e un rapporto conflittuale con la sua famiglia di origine.

Con Adesso sì,  format prodotto da Stand By Me, scopriamo in un unico appuntamento tv le vite, i desideri, le battaglie contro i pregiudizi e le speranze di queste 4 coppie, nel giorno più importante della loro vita: quando sono riuscite dopo tanti anni a coronare il loro sogno di amore e a pronunciare il fatidico sì.

LEGGI ANCHE: La legge un anno dopo. Cirinnà: “La rivoluzione culturale passa per la normalità”


 

card_nuova

Vedi anche

Altri articoli