Tre domande ai ministri Di Maio, Salvini e Fontana

Focus

Salvini parla solo di immigrazione, ma mai di droga. Fontana è silente agli attacchi ai disabili. Di Maio non rinuncia al condono. Perché?

Tre domande cui non riesco a dare una risposta. Mi aiutate voi?

  1. Perché il ministro Salvini non parla mai di droga?

    Eppure anche i più recenti, terribili, fatti di cronaca nascono da vicende legate alla droga anche se si preferisce sottolineare la polemica sull’immigrazione. Davvero pensiamo che la droga sia gestita, spacciata, diffusa solo da giovani migranti di colore contro i quali quotidianamente il Ministro combatte a colpi di Tweet? E perché allora non riservare la stessa determinazione alla lotta contro la droga? Davvero fingiamo di non sapere quanti italiani, italianissimi, siano implicati in questa rete?

  2. Perché Fontana ha perso la voce?

    Il Ministro delle disabilità Fontana all’inizio del suo mandato parlava di tutto e del contrario di tutto. Ora è sparito. Perché? Che è successo? Eppure Grillo attacca i bambini autistici e Casalino attacca le persone con sindrome di Down: che ci sta a fare il ministro della disabilità se non reagisce nemmeno su questo? Fontana, tutto bene? È solo un mal di gola stagionale? Attendiamo fiduciosi una sua parola come ministro della disabilità.

  3. Perché Di Maio non rinuncia al condono?

    Il maltempo ha fatto oltre trenta morti, come sappiamo, molti dei quali morti per abusivismo. Di Maio è l’unico che insiste per fare a tutti i costi il condono edilizio a Ischia. A me non interessa capire quali siano i legami tra la famiglia Di Maio e i condoni. Ho letto che Di Maio ha detto che le (eventuali) colpe dei padri non devono ricadere sui figli e subito la mente vola alla violenza verbale della campagna elettorale del VicePremier. Ma non è questo il punto. La domanda è semplice: quali inconfessabili esigenze costringono Di Maio a imporre a tutto il Governo questa figuraccia galattica del condono?

Il testo completo dell’e-news di Matteo Renzi.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli