Ricostruzione e futuro, ecco la quinta giornata della Festa nazionale di Imola

Festa de l'Unità

Il programma dei dibattiti per la giornata di mercoledì alla Festa de l’Unità

A Imola siamo giunti alla quinta giornata della Festa nazionale de L’unità. Nella giornata di oggi saranno due i dibattiti ad animare la Festa, alle 19:00 si parlerà del piano Casa Italia con la senatrice e responsabile Pd per la ricostruzione Stefania Pezzopane, due presidenti di Regione Stefano Bonaccini governatore dell’Emilia Romagna e Catiuscia Marini dell’Umbria. Ci saranno poi il project manager del ‘progetto Casa Italia’ Giovanni Azzone e il capo del Dipartimento della Protezione Civile Angelo Borrelli.
Alle 21:00 invece si parlerà dei 1000 giorni del governo Renzi con Matteo Richetti, Paolo Agnelli,  Emanuele Orsini, Amilcare Renzi e Piero Ragazzini.
Ieri ambiente e Industria 4.0 sono stati protagonisti della quarta giornata. Molto atteso il dibattito sull’ambiente, dopo i tragici fatti di Livorno, con il ministro Galletti. Dal palco di Imola il ministro ha prima confermato che dal patto sul clima di Parigi “non si torna indietro” e poi ha annunciato il Piano sull’adattamento climatico sarà pronto a fine anno: “Il Piano è molto complesso analizza l’impatto dei cambiamenti climatici sull’Italia e suddivide il territorio in macro aree. E’ una delle prime cose su cui abbiamo cominciato a lavorare – ha proseguito il ministro – Oggi il piano di adattamento climatico è completo, è stato pubblicato il 2 agosto sul sito del ministero, e seguirà il suo iter di approvazione, che io spero sia il più breve possibile, compatibilmente con le regole che abbiamo oggi in Italia. Stante quelle regole noi arriveremo entro la fine dell’anno o ai primi mesi del nuovo anno ad aver approvato il Piano”.
Molto interessante anche il dibattito sull’industria 4.0, a 10 anni dal lancio del primo smartphone e a quasi un anno dal Piano Industria 4.0 lanciato a Milano dall’allora presidente del Consiglio Matteo Renzi e dal ministro Carlo Calenda. La serata è stata animata dallo storico gruppo Bandabardò.

Vedi anche

Altri articoli