Rixi condannato a 3 anni. Il leghista rassegna le dimissioni

Focus

Salvini dopo le dimissioni di Rixi: “le accetto unicamente per tutelare lui e l’attività del governo”

La seconda sezione penale del Tribunale di Genova, presieduta dal giudice Giuseppe Dagnino, ha condannato il viceministro leghista delle Infrastrutture e Trasporti Edoardo Rixi a 3 anni e 5 mesi di reclusione nell’ambito del processo sulle cosiddette “spese pazze” alla Regione Liguria. Il procuratore aggiunto Francesco Pinto aveva chiesto per Rixi una condanna a 3 anni e 4 mesi. Al momento della lettura della sentenza Rixi non era presente in aula.

Una condanna quella di Rixi che rischiava di riaprire le polemiche tra i due partiti di governo, anche se il caso è subito rientrato. Immediatamente il capogruppo M5S alla Camera, Francesco D’Uva ha dichiarato: “Mi dispiace molto per questa condanna anche perché Rixi come sottosegretario ha lavorato molto bene, io stesso ho avuto modo di lavorare con lui su questioni territoriali e l’ho sempre apprezzato. Chiaramente a questo punto si dovrà vedere quello che dice il contratto di governo e agire di conseguenza”.

Gli fa eco il sottosegretario Stefano Buffagni: “Il contratto di governo non lascia spazio alle interpretazioni e non ho dubbi che Salvini vorrà difendere il contratto di governo che ha sottoscritto”.

Poco dopo il viceministro leghista ha annunciato di aver “consegnato a Salvini le mie dimissioni, per non creare problemi al governo”. E il vicepremier risponde immediatamente: “Le ho nelle mani da tempo e le accetto unicamente per tutelare lui e l’attività del governo da attacchi e polemiche senza senso”.

Un gesto che sembra evitare una nuova crisi per il governo. Ma allo stesso tempo Salvini promette: “Oggi stesso nomino Edoardo Rixi responsabile nazionale trasporti e infrastrutture della Lega, riconoscendogli capacità e onesta assolute”. E poi commenta: “Io rispetto le sentenze e conto su una assoluzione a fine processo, ma trovo incredibile che ci siano spacciatori a piede libero, e sindaci, amministratori e parlamentari accusati o condannati senza uno straccio di prova”.

Anche Andrea Orlando, vicesegretario del Pd, commenta le dimissioni del viceministro: “Le dimissioni di Rixi? Atto assolutamente dignitoso. E’ un avversario politico e se gli contestano queste cose avrà fatto degli errori ma sono personalmente dispiaciuto per la condanna, si e’ sempre comportato con grande correttezza in questi mesi. E’ una pena significativa che ha sorpreso anche me, mi riferisco alla quantità della stessa”

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli