Roberta Lombardi e CasaPound i più razzisti, lo dice Amnesty

Focus

La campagna elettorale della candidata grillina alla Regione Lazio dimostra che il M5s punta ai voti a destra, molto a destra

Il suo slogan ci aveva già fatto capire un po’ quali sono le sue posizioni sull’immigrazione (più turismo e meno migranti). Roberta Lombardi punta sulla paura dell’immigrato per recuperare voti nel Lazio. E per non farsi togliere voti dal sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi, vira a destra molto più a destra di lui. Quasi più a destra del candidato di CasaPound Mauro Antonini.

A darci i numeri è Amnesty International che da circa un mese sta monitorando il linguaggio d’odio e discriminatorio usato dai politici nella campagna elettorale nazionale e regionale. Tra tutti i candidati alla Regione Lazio, i due segnalati dall’ong sono proprio Antonini e Lombardi. Undici frasi contro migranti e rifugiati pronunciate dall’esponente di CasaPound, sette frasi contro migranti, rifugiati e rom.

“La deriva fascista del Movimento 5 stelle – ha commentato il deputato del Pd, Marco Miccoli – è ormai da tempo chiara a tutti. Diciamo che la Lombardi la interpreta in maniera ancora più estremistica rispetto agli altri esponenti grillini. D’altronde la Lombardi è quella del “fascismo buono”: il suo cuore batte a destra. Molto a destra”.

In questa campagna elettorale si è parlato molto di migranti, ma sono stati diffusi pochi numeri sul fenomeno. Soprattutto sull’equazione immigrati-criminalità: “Non sempre la criminalità straniera corrisponde ai cittadini immigrati che vivono tra noi – spiega il ricercatore Idos Antonio Ricci – Molte delle persone straniere che delinquono magari fanno parte di quei 50 milioni di turisti che ogni anno vengono in Italia e che magari fanno una serata brava in una piazza del centro storico della nostra città, fanno dei danni e si fanno arrestare (come ad esempio i tifosi dell’Olanda). Mentre il numero degli immigrati dal 2001 a oggi è quasi quadruplicato, il numero dei denunciati invece percentualmente è rimasto stabile”.

Insomma, come si capisce da quello slogan e da certe frasi pronunciate in queste settimane, Lombardi punta evidentemente ai voti dell’elettorato di destra e contemporaneamente partecipa alla diffusione di notizie errate e discriminatorie su temi molto delicati come l’immigrazione e le minoranze etniche.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli