Salvini cancella il Nord dal simbolo e si nomina candidato premier

Focus

Il leader leghista anticipa gli alleati e si nomina capo della coalizione. Il centrodestra sarà a trazione lepenista

Dunque sarà Matteo Salvini il candidato premier del centrodestra. Il leader leghista presentando il simbolo elettorale del suo partito svela la scelta. Dagli alleati ancora silenzio, quindi possiamo immaginare che sarà lui l’uomo scelto per guidare la coalizione.

Una notizia importante per chi credeva che il centrodestra sarebbe tornato a trazione berlusconiana. Salvini giocando d’anticipo ha voluto mettere in chiaro che il leader della coalizione sarà lui, e quindi che sarà un centrodestra spostato  verso posizioni lepeniste.

L’altra notizia è che nel simbolo della Lega non ci sarà più la parola Nord. Il leader leghista sta cercando di “conquistare” il Sud e quindi via l’elemento caratterizzante del partito, elemento che non poteva piacere agli elettori del Mezzogiorno. “Con oggi – ha detto in conferenza stampa dalla sede di via Bellerio – inizia un percorso che porterà la Lega oltre il 20%, la prima forza del centrodestra che vincerà le elezioni e con un capo del governo che per serietà abbiamo messo nel simbolo. È una Lega che cresce e unisce, una proposta non più per una parte del paese ma per tutti gli italiani”.

L’operazione salviniana, che ha riscontrato l’unanimità – con l’esclusione di Gianni Fava – del consiglio federale è figlia, secondo Salvini, di “un percorso culturale iniziato da lontano e confermato dal congresso”. Nella sede di via Bellerio due assenze importanti: Umberto Bossi e Roberto Maroni. I due saranno d’accordo con la svolta imposta dal loro segretario?

Una cosa è chiara, Matteo Salvini vuole andare a Palazzo Chigi. Quando gli elettori moderati voteranno per Forza Italia o un altro partito moderato della coalizione dovranno considerare che sarà il leader leghista a governare e a dettare l’agenda. Un’agenda antieuropeista e populista che ha due punti dichiarati “non negoziabili”, vale a dire “l’abrogazione della legge Fornero e la protezione dei confini nazionali”.

 

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli