X

Salvini continua a fare il bullo sulla pelle dei migranti della Diciotti

Da ormai una settimana ci sono 177 migranti prigionieri su una nave della Guardia costiera italiana, ostaggi della propaganda di Matteo Salvini.

Il ministro dell’Interno non sembra avere l’intenzione di consentire lo sbarco dei passeggeri della Diciotti, e continua con la suo propaganda social. Gli obiettivi dei suoi messaggi oggi sono lo scrittore Saviano, i manifestanti e il primo luogotenente Antonello Ciavarelli, delegato Cocer della Guardia Costiera italiana, avrebbe definito “incomprensibile” e “imbarazzante” la scelta del governo di tenere l’imbarcazione della Guardia Costiera al largo di Lampedusa per alcune ore.

Una vicenda che va avanti da giorni senza nessun rispetto delle regole e dei diritti umani. C’è una questione sanitaria e umanitaria e una questione di sicurezza in ballo. I migranti sul barcone, oltre che essere provati, potrebbero spazientirsi e sull’imbarcazione potrebbe esserci tensione, nonostante l’ottimo lavoro svolto fino a questo momento dagli uomini della Guardia costiera, a cui dovrebbe andare un sentito ringraziamento da parte di tutto il Paese. Pensate a questi 177 migranti che dopo un viaggio lunghissimo, una prigionia in Libia e una pericolosa traversata si ritrovano da giorni a bordo di quella nave che per loro rappresentava la salvezza. Non sarà facile continuare ancora per molto a tenere gli animi calmi.

Ma Salvini tira dritto, continua a fare la voce grossa con i migranti, invece di affrontare politicamente il problema con l’Europa. I precedenti governi avevano minacciato quei paesi che sono indisponibili ad accogliere i migranti di fermare le erogazioni di fondi. E’ questa la strada maestra per risolvere il problema, solo nel momento in cui vedrebbero meno quei fondi indispensabili per la propria economia i paesi Visegrad su tutti, ma non solo, inizierebbero a fare passi indietro.

Ma questa strada è lunga e tortuosa, e soprattutto non adatta alla propaganda, all’immagine di uomo forte che da solo blocca i migranti.

Dal Pd arriva con Matteo Orfini l’appello a far sbarcare i migranti chiedendo il rispetto dei diritti umani: “Sul caso della “non sono previste al momento novità” fanno sapere fonti del Viminale. Ovvero Salvini e Toninelli non hanno “al momento” ancora compreso che il rispetto dei diritti umani in Italia vale anche per i migranti”.

Al momento non si vede una soluzione: i 177 migranti dovrebbero passare l’ennesima notte sulla nave Diciotti, tutto per un capriccio a fini propagandistici di Matteo Salvini.

Articolo originale

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti contenuti in linea con le tue preferenze. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all’uso di tutti i cookie.