Quando Salvini tifava Francia (e contro l’Italia)

Focus

Per il leader leghista tutto diventa politica anche una finale di calcio

“Di vedere Macron che saltella proprio non ho voglia” ha detto Matteo Salvini che assisterà alla finale dei Mondiali in Russia e ha già annunciato di tifare per la Croazia. Eppure una volta il vicepremier leghista non la pensava certo così. Fino a qualche anno fa, Salvini infatti i nostri cugini francesi li supportava eccome. Ma lui era ancora giovane e la Lega si chiamava ancora Lega Nord.

Nel 2000, anno degli Europei in Belgio e Olanda, Salvini a Radio Padania conduceva una trasmissione dal titolo Mai dire Italia e come è chiaro intuire dal titolo del programma si commentavano, un po’ come faceva la Gialappa’s ma senza simpatia e battute divertenti, le partite dei campionati, ma sempre tifando contro l’Italia. Quell’anno la nazionale del ct Dino Zoff uscì proprio giocando contro la Francia e l’attuale vicepremier esultò non poco quando David Trezeguet segnò il gol che confermò la vittoria dei bleus.

A ricordare l’episodio è l’articolo di Luca Pagni su Repubblica:

Allora, la finalista per la quale non avrebbe mai gioito era l’Italia, arrivata a 30 secondi dalla vittoria finale e poi beffata dai francesi ai supplementari. Salvini all’epoca era direttore di Radio Padania e organizzò una diretta per gufare contro gli Azzurri, con tanto di telefonate degli ascoltatori, per dileggiare i giocatori allora allenati da Dino Zoff.

Peccato che l’Italia non abbia partecipato ai Mondiali in Russia: sarebbe stato interessante vedere Salvini, da sovranista, tifare Italia.

Insomma per Salvini tutto può diventare politica e tutto può essere rimesso in discussione. In nome del populismo e della demagogia.

Vedi anche

Altri articoli