Manovra, giallo sui soldi per la flat tax. E Salvini smentisce Tria

Focus

Scontro sui numeri della Flat Tax: per Tria sono seicento milioni per il 2019, mentre per Salvini sono un miliardo e settecento milioni

Niente, nonostante i pareri negativi di tutti gli organi il Governo va avanti sulla manovra. Il Def è stato bocciato da più parti, ultimo in ordine di tempo l’Ufficio parlamentare sul Bilancio, ma questo non ferma i gialloverdi.

Ancora questa mattina il ministro del’Economia Giovanni Tria in aula ha difeso le stime del Governo sulla crescita. Allo stesso tempo ha fornito i primi dettagli importanti sulla prossima manovra.

Stime sulla crescita

Rispondendo ai rilievi dell’Ufficio parlamentare di Bilancio sul quadro programmatico, Tria ha insistito in particolare sul diverso “conteggio” degli effetti del disinnesco delle clausole Iva. “Dalle osservazioni dell’Upb sembrerebbe che la maggior parte degli analisti abbia incorporato la completa disattivazione delle clausole Iva negli scenari elaborati già prima della presentazione della NaDef, prospettando un tasso di crescita del Pil reale intorno all’1,0 per cento”, ha sottolineato il ministro. Non così per il governo. “In realtà nelle stime del Mef la disattivazione delle clausole Iva è incorporata nel quadro programmatico”, ha spiegato ancora Tria, evidenziando che proprio il disinnesco avrà un impatto positivo sul Pil. A questo punto quindi, ha concluso, “il moltiplicatore delle altre misure risulta ben inferiore all’unità” ritenuta eccessiva dal panel di analisti a cui fa riferimento l’Upb.

Legge di Bilancio

“Nel suo complesso la manovra per il 2019 ha una copertura di circa 37 miliardi: circa 22 miliardi arrivano dall’aumento del deficit cioè l’indebitamento pubblico rispetto al suo livello tendenziale e 15 miliardi derivano da tagli di spesa (6,9 miliardi) e aumenti di entrate (8,1 miliardi)”. Dunque il ministro annuncia una manovra pesante e insiste sui 22 miliardi di aumento di deficit.

Flat Tax

La Flat Tax vale 4,7 miliardi nel triennio di programmazione della Nota di aggiornamento al Def. Lo prevedono le tabelle consegnate dal ministro dell’Economia Giovanni Tria al Parlamento in audizione: la flat tax vale 600 milioni nel 2019, 1,8 miliardi nel 2020 e 2,3 miliardi nel 2021. Il suo effetto propulsivo sulla crescita pero’ e’ molto contenuto e raggiunge 0,1 punti solo nel 2021.

Queste tabelle sono state immediatamente contestate dal vicepremier Matteo Salvini: “Sono di più, un miliardo e 700 milioni”. Uno scontro che fa capire come ancora non sia chiusa la partita e la coperta sia corta.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli