Pd e M5s: Salvini, sgombera CasaPound a Roma

Focus

La mozione del Pd passa con il voto favorevole del M5s. Contrario il centrodestra: “CasaPound accoglie solo italiani mentre il Baobab solo stranieri”

A Matteo Salvini non farà piacere, ma l’Aula Giulio Cesare, dove siede il consiglio comunale di Roma, ha votato una mozione che impegna la sindaca Virginia Raggi “ad intervenire presso il Ministero degli Interni, il prefetto e il questore” affinché sia predisposto lo sfratto immediato dell’edificio di via Napoleone III, a due passi dalla stazione Termini, “illegalmente occupato dall’associazione CasaPound Italia”.

La mozione presentata dal Pd ha ricevuto i voti favorevoli del M5s, mentre il centrodestra compatto ha votato contro lo sgombero. L’immobile, che è occupato dalla formazione di estrema destra dal 26 dicembre 2003, è in un quartiere centrale della Capitale.

La posizione del Pd

“In questi mesi si è usato sul tema degli sgomberi il pugno duro – ha detto in Aula il consigliere dem Giovanni Zannola presentando la mozione – noi chiediamo alla Giunta di fare altrettanto con un edificio di pregio al centro di Roma occupato ormai dal 2003, dove non si sa bene cosa accade dentro se non che si costruisce un odio profondo, e messaggi negativi in città. Le violenze fuori dalle scuole di cui l’associazione CasaPound si è dimostrata rea ne sono l’esempio.

Sappiamo che l’edificio non è proprietà del Comune, noi pensiamo che una permuta con l’ente di proprietà potrebbe permettere al Campidoglio di acquisirlo al suo patrimonio. Una volta fatto questo il Comune potrebbe dare l’esempio, cacciando chi utilizza un bene pubblico di pregio per fomentare l’odio e restituirlo alla città confrontandosi con la cittadinanza facendolo magari diventare un punto d’incontro per la città. Bisogna avere il coraggio di essere forti con i forti e non solo forti con i deboli. E l’occasione per l’amministrazione di ribadire che questa amministrazione assume la legalità come principio cardine non solo nel disagio delle periferie, ma anche al centro di Roma di fronte a un movimento fascista che genera solo odio”.

Il M5s vota sì

Voto favorevole anche da parte del Movimento Cinque Stelle. ”Voteremo sì  – ha detto in aula il consigliere Francesco Ardu – non perché ci mettiamo dentro la diatriba tra rossi e neri, ma perché coerente con le nostre linee politiche. Ma – conclude – difficilmente questo indirizzo politico sarà attuabile perché ci sono delle inesattezze”.

Contrario il centrodestra

I quattro consiglieri di centrodestra hanno invece votato no alla mozione. Maurizio Politi, di Noi con Salvini, prendendo la parola ha motivato il perché del voto contrario: “Diamo un segnale votiamo tutti insieme un Odg in cui chiediamo lo sgombero di tutti gli edifici occupati in città, fuori dalla propaganda politica. Non voto CasaPound ma penso, come dice la Carta costituzionale, che abbia la legittimità a fare politica. Accolgono le famiglie con la stessa modalità del Baobab, CasaPound accoglie solo italiani mentre il Baobab solo stranieri. L’immobile di Napoleone III non è del Comune di Roma, quindi la ratio di questa mozione è esclusivamente politica perché sono fascisti e non possono fare le cose. Se c’è l’intenzione di lavorare seriamente sgomberiamo tutti gli stabili occupati della città, secondo le priorità indicate dalla Prefettura”.

Che farà Salvini?

Ora bisogna attendere cosa farà il ministro dell’Interno Matteo Salvini. Il vicepremier ha mostrato il pugno duro verso gli edifici occupati che davano rifugio a migranti, spesso ha parlato di ruspa, ma su CasaPound ha sempre nicchiato non mettendolo in cima alle priorità. Intanto un edificio pubblico nel centro di Roma è occupato da 15 anni e ospita un movimento politico di estrema destra, che assegna appartamenti in base a propri criteri. Mesi fa un blitz della Guardia di finanza era saltato dopo la minaccia: “Se entrate sarà un bagno di sangue”. Allora il ministro dell’Interno fece spallucce, vedremo come reagirà a questa mozione, anche se probabilmente la reazione sarà la stessa. L’immagine di Matteo Salvini in posa durante lo sgombero di CasaPound  non entrerà nell’album Facebook del ministro dell’Interno.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli