Solo promesse: ecco cosa ha fatto davvero Virginia Raggi per Ostia

Focus

Il lungomuro che impedisce l’accesso al mare è ancora lì. I varchi chiusi anche. Gli stabilimenti balneari pieni di abusi pure

Ieri vi ho raccontato del ponte dell’Osa. Oggi ero esattamente dalla parte opposta di Roma. Circa 40 km più a ovest: sul bellissimo mare di Ostia. O meglio ero a combattere per poter passeggiare liberamente sul mare, come ogni giorno devono fare migliaia di cittadini. Perché il mare di Ostia è ancora sequestrato. Chi segue questa pagina sa quante battaglie abbiamo fatto insieme a Stefano Esposito e al Pd di Ostia su questo tema.

Purtroppo pochissimo è cambiato da allora. Il lungomuro che impedisce l’accesso al mare è lì. I varchi chiusi anche. Gli stabilimenti balneari pieni di abusi anche. Le concessioni irregolari non sono state fatte decadere. Le poche spiagge libere sono abbandonate prive di servizi. E sporche. O chiuse. Oggi il #ComitatoMarePerTutti ha organizzato un presidio davanti a una di queste spiagge libere a cui come Pd del X Municipio abbiamo partecipato. Spiaggia che il Comune ha chiuso con un cancello e ha lasciato lì nel degrado.

Abbiamo minacciato di rompere il lucchetto e restituirla ai cittadini. Ci hanno garantito che lunedì la apriranno. Vedremo. Ma purtroppo questa è la norma. Nonostante la Raggi abbia fatto campagna elettorale promettendo legalità e mare aperto. Purtroppo la realtà come sempre è molto diversa dalle promesse elettorali: abusivismo, sporcizia, illegalità.

Ma si sa, e lo denunciammo da subito: se uno non ha coraggio non se lo può dare. Meno male che qui a combattere ci sono ancora tanti cittadini e cittadine, onesti davvero, che prima o poi il loro mare se lo riprenderanno. Noi saremo al loro fianco.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli