Clima impazzito e rifiuti: in Italia cresce la paura

Focus

Lo dicono i dati raccolti nell’ultima indagine di Swg

L’emergenza climatica, lo smaltimento dei rifiuti, l’inquinamento atmosferico e delle acque preoccupano gli italiani. È quanto emerge dall’ultima rilevazione eseguita da Swg su un campione di 2 mila maggiorenni italiani, i cui esiti sono pubblicati nello speciale “Ambiente” di “PoliticApp” diffuso oggi.

Innanzitutto l’impennata dal 2011 al 2018 è evidente: l’ambiente interessa eccome gli Italiani la cui sensibilità sul tema è fortemente cresciuta negli ultimi anni.

L’istituto triestino ha raccolto anche indicazioni importanti su come vengono percepite le emergenze. Per il 42% bisogna intervenire prioritariamente sul surriscaldamento globale e la questione rifiuti. A farlo dovrebbero essere in primis cittadini, ma anche il governo e le multinazionali.

Quest’ultime vengono indicate come le prime responsabili dell’attuale inquinamento. Per poter far sentire la propria voce e cambiare le cose il 43% degli intervistati sarebbe molto favorevole  se l’Europa introducesse dazi sulle merci provenienti dai Paesi che inquinano di più o che non rispettano gli accordi internazionali sulle emissioni di agenti inquinanti. Si tratta anche in questo caso di un dato in crescita: 9% in più rispetto al 2015.

Anche il boicottaggio dei prodotti incassa consensi. Il 37% è molto d’accordo (+5% rispetto al 2015 ) a boicottare i prodotti che provengono da Paesi che inquinano di più o che non rispettano gli accordi internazionali sul clima”.

Infine, prosegue la flessione di consensi per l’area di Governo (57,2%), ma a differenza di una settimana fa è la Lega a perdere terreno mentre il Movimento 5 Stelle recupera mezzo punto percentuale. Incrementi anche per le principali forze di opposizione. La rilevazione eseguita da Swg su un campione di 1.500 maggiorenni italiani: se si dovesse votare oggi il 31,5% sceglierebbe la Lega (-0,7% rispetto alla rilevazione di una settimana fa) mentre il 25,7% il Movimento 5 Stelle (+0,5%). Crescita di consensi per Partito democratico (17,9%, +0,6%), Forza Italia (8,6%, +0,4%) e Fratelli d’Italia (4,4%, +0,2%).

 

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli