I dati confermano la crescita del fenomeno ‘bufale’ in Rete

Focus

Ricerca Demos-Coop pubblicata da Le Repubblica: un italiano su due vittima delle ‘bufale’ in Rete

Secondo qualche studioso del fenomeno in futuro l’unico antidoto possibile al problema della ‘post-verità’, declinato in questi giorni con l’ormai più popolare definizione di fake news, non potranno che essere cifre e dati.

A conferma di questo, oggi a provare ad accendere un faro sui numeri di un fenomeno che, per la sua natura intrinseca, rischia di essere sottovalutato o derubricato esso stesso a ‘bufala’, pensa l’indagine condotta nei giorni scorsi da Demos-Coop e pubblicata oggi da La Repubblica.

 

Cosa dice il sondaggio

Secondo il sondaggio, il 40% del campione afferma di avere incontrato “spesso o qualche volta” su Internet notizie che successivamente si sono rivelate false. Un dato che sale al 56%, e che dunque non può che allarmare, se prende in considerazione chi dichiara di essersi imbattuto “raramente”, ritenendole però vere, nelle bufale in rete.

L’altro dato interessante svelato dalla ricerca pubblicata da Ilvo Diamanti è che il 23% degli italiani ha condiviso, e dunque diffuso in Rete, notizie poi riconosciute come false. Una circostanza che conferma quanto la responsabilità della circolazione di fake news non è tanto e solo di chi le produce, ma anche di chi, poi, contribuisce a propagarle attraverso la condivisione.

New media versus old media

La ricerca di Demos-Coop svela poi un’altra circostanza che sarebbe bene invitasse alla riflessione, e al senso di responsabilità, gli operatori dell’informazione: e cioè il fatto che il 24% degli italiani ha scoperto delle fake news attraverso i cosiddetti old media, la televisione su tutti.

Ma dalla ricerca arriva anche una buona notizia, e cioè che circa la metà degli italiani, praticamente lo stesso numero che si è dichiarato in qualche forma vittima delle notizie false in Rete, dichiara di averle riconosciute attraverso lo stesso strumento, e cioè su Internet.

Dunque ciò che la Rete toglie in termini di verità, in qualche modo la stessa Rete restituisce. Come sempre, la differenza la farà l’uso che tutti i soggetti coinvolti, dai grandi gruppi ai semplici utenti, faranno di un mezzo che certamente è l’origine di un problema, ma che può rappresentare anche la soluzione.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli