Bocciata la finanziaria di Sanchez, la Spagna verso il voto anticipato

Focus

La Camera spagnola ha bocciato la legge di Bilancio del governo. Sanchez dovrà indire nuove elezioni, forse già in aprile

E’ successo quello che si temeva alla vigilia. La Camera spagnola ha bocciato la legge finanziaria del governo del premier socialista Pedro Sanchez, che si vedrà perciò costretto ad indire elezioni anticipate, che potrebbero tenersi probabilmente già ad aprile, ossia prima delle elezioni europee.

La legge di bilancio è stata bocciata attraverso il voto ad una mozione che la respingeva in toto, presentata dalla destra del Partido Popular e Ciudadanos e dai partiti indipendentisti catalani. La mozione è stata approvata con 191 voti su 250. Questo genere di mozione era stata approvata solo una volta in passato, nel 1995, sotto il governo del socialista Felipe Gonzalez: anche in quel caso l’esecutivo dovette indire delle nuove elezioni.

L’annuncio ufficiale delle elezioni e della relativa data, secondo il ministro delle infrastrutture José Luis Abalos, dovrebbe aversi in tempi brevi “ma non oggi”: è probabile che Sanchez convochi prima un consiglio dei Ministri.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli