Stavolta Gramellini ha davvero perso la testa

Focus

Nella sua rubrica Il Caffe, nella prima pagina del Corriere della Sera, si trasforma in un mite ma volenteroso carnefice verbale della giovane Silvia, che in Africa aiutava i bambini e in Africa è stata rapita

Non basta più neppure dire “aiutiamoli a casa loro”. No, a Massimo Gramellini non va bene neanche questo e nella sua rubrica Il Caffe, nella prima pagina del Corriere della Sera, si trasforma anche lui in un mite ma volenteroso carnefice verbale della giovane Silvia, che in Africa aiutava i bambini e in Africa è stata rapita.

Anche Gramellini, col suo modo gentile, si accoda alla scia di quanti, da ieri, si chiedono perché mai quella ragazza fosse in Africa. Certo, Gramellini non condisce le sue righe di volgari allusioni sessiste, non insulta Silvia, ma forse fa peggio. Col tono addomesticato di chi si permette una qualche cauta obiezione ai picchiatori dei social che se la prendono con la volontaria, che invitano a lasciarla lì, che urlano di non pagare riscatti, il giornalista ammette che sì, in fondo Silvia è un’ “avventata”, ma la si comprenda: è anche un’“entusiasta” e una “sognatrice”, e ci ricorda i nostri vent’anni. È la banalizzazione dell’impegno di Silvia, come a dire: abbiatene comprensione, in fondo non è poi così pericolosa.

Ecco: i colpevoli non sono gli haters seriali, non sono i sobillatori di razzismo, e nemmeno i qualunquisti che pesano la vita d’una 23enne in termini di costo del riscatto. La colpevole è lei, la Cappuccetto rosso del titolo della rubrica.

Gramellini non ha il coraggio di tirare i dadi “incurante che il conto più non torni” – per dirla con Pasolini – ma cerca di falsificare quei dadi, di barare affinché non offenda troppo, affinché i violenti, gli ‘odiatori’, i razzisti posino su di lui – e perché no? anche su Silvia – uno sguardo benevolo e decidano di risparmiarli, perché tanto un po’ d’acqua tiepida non da fastidio a nessuno.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli