Strage di Corinaldo, arrestati 7 giovani. Usavano spray urticante per rubare

Focus

L’8 dicembre 2018 nella discoteca “Lanterna Azzurra” in provincia di Ancona il panico per lo spray urticante provocò la morte di 6 persone, 120 rimasero ferite

Erano soliti spruzzare sostanze urticanti per commettere scippi e rapine all’interno delle discoteche i sei giovani modenesi arrestati la notte scorsa, insieme a un ricettatore. Sono ritenuti responsabili di aver colpito, nella notte tra il 7 e l’8 dicembre dello scorso anno, anche all’interno del ‘Lanterna Azzurra Clubbing’ di Corinaldo, causando un fuggi fuggi che ha portato alla morte di 5 adolescenti e una giovane mamma.

La ricostruzione viene fatta dal capo della procura di Ancona, Monica Garulli, nel corso di una conferenza stampa. I carabinieri sono arrivati alla banda dopo un lungo e complesso lavoro di analisi di dati e testimonianze partite la sera stessa della strage, quando sei persone presenti nel locale di Corinaldo denunciarono di essere stati vittime di furti: il primo riferì che gli fu strappata di dosso una catenina, gli altri cinque dissero di essere stati rapinati e, in questi ultimi casi, gli autori utilizzarono la sostanza urticante, o per compiere l’atto e o per allontanarsi velocemente.

Un ‘modus operandi’ che gli inquirenti hanno ritrovato in un episodio analogo, accaduto in una discoteca di Fabriano (Ancona): proprio analizzando i due eventi, i militari sono risaliti a due giovani modenesi, presenti in entrambi i locali, e individuando gli altri complici e il ricettatore. I sette arresti della notte scorsa, dunque, avrebbero chiuso il cerchio intorno a una banda seriale, “un’organizzazione per delinquere dedita a rapine e furti”.

“Giovani di età compresa tra i 19 e i 22 anni – ha confermato il procuratore Garulli – che sfruttavano eventi musicali e con alto assembramento di persone per compiere azioni delittuose con l’utilizzo di spray urticante”. Il blitz dei carabinieri è scattato “per scongiurare altri eventi del genere”, ha spiegato il magistrato.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli