Giù le tasse, pressione fiscale mai così bassa dal 2011

Focus

Anche il potere d’acquisto aumenta: l’Istat parla di “una chiara inversione di tendenza”

Nel terzo trimestre del 2017 in Italia la pressione fiscale è stata pari al 40,3%, in riduzione di 0,4 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Lo rileva l’Istat, spiegando che si tratta del valore più basso dal 2011. Anche il dato relativo ai primi nove mesi del 2017, pari al 40,2%, è il più contenuto da sei anni.

Ma non sono le sole buone notizie: anche il poter di acquisto aumenta.

Il reddito disponibile delle famiglie consumatrici è infatti aumentato nel terzo trimestre del 2017 dello 0,7% e del 2,1% su base annua. L’Istat parla di “una crescita significativa”. E lo stesso vale per il potere d’acquisto, salito dello 0,8% sul rispetto al trimestre precedente e dell’1,1% in termini tendenziali.

L’anno passato – rileva ancora l’Istat – ha segnato il ritorno alla crescita dei prezzi. L’istituto stima nella media del 2017 un aumento dell’1,2%, dopo il calo dello 0,1% del 2016. Una “lieve flessione” che però aveva portato l’Italia in deflazione. L’Istituto, rilasciando i dati provvisori, parla di “una chiara inversione di tendenza”, che consente di riagganciare il livello dei prezzi del 2013, ovvero di 4 anni prima. A fare la differenza sono i beni energetici (carburanti, luce e gas) e gli alimentari freschi (frutta e verdura).

A dicembre l’inflazione resta stabile allo 0,9%, lo stesso valore già registrato a novembre. Lo rileva l’Istat nelle stime preliminari, segnando un rialzo mensile dello 0,4%. A movimentare i listini mese su mese anche fattori stagionali. Si fa insomma sentire il cosiddetto ‘caro vacanza’. Ecco che l’Istituto registra un’impennata, in termini congiunturali, del 27,3% per i prezzi dei voli, del trasporto aereo passeggeri.

Nella media del 2017 il cosiddetto ‘carrello della spesa’, ovvero i prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona salgono dell’1,5%, in decisa ripresa rispetto allo 0,1% dell’anno prima. A dicembre invece il rialzo si è fermato all’1,3% (più contenuto anche a confronto con novembre (+1,6%).

Vedi anche

Altri articoli