Tiziano Renzi: “Mollo tutto per garantire il lavoro ai miei dipendenti”

Focus

La Procura chiede l’archiviazione, ma Tiziano Renzi annuncia: “L’azienda ha perso clienti importanti. Per garantire il lavoro vendo tutto e dico basta”

“Mi chiamo Tiziano Renzi, ho 67 anni e una meravigliosa famiglia. Oggi dico basta. E annuncio che vado in pensione, lascio ogni incarico, metto in vendita la mia società. Mi arrendo”.

Nel giorno della richiesta di archiviazione dell’inchiesta della Procura di Roma a suo carico, il padre di Matteo Renzi sceglie un’inserzione su QN per annunciare il suo addio all’azienda di famiglia perché, spiega con parole amare “paradossalmente sono diventato il tallone d’Achille della mia squadra: per colpa mia, i clienti se ne vanno. Non hanno aspettato l’archiviazione, loro”.

“Dal 2014 la mia vita è cambiata – spiega -. Ho conosciuto il dolore di chi viene accusato, sa di essere innocente, eppure è su tutte le prime pagine”.

“Sto collezionando archiviazioni delle indagini contro di me e condanne in sede civile per chi mi ha diffamato. Ma serviranno ancora molti anni” e “purtroppo i tempi del business sono diversi dai tempi della giustizia”.

“La mia azienda è stata accusata ingiustamente e ha perso clienti molto importanti“, scrive ancora Renzi, perciò “per garantire il posto di lavoro ai collaboratori ho deciso di farmi da parte” e vendere la società. devo andarmene per rispetto a chi lavora con me. Me ne vado a testa alta”.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli