Per Toninelli il tunnel del Brennero c’è già. Peccato che non sarà pronto prima del 2025

Focus

Toninelli con il Milleproroghe ne ha differito la costruzione del tunnel spostando a dicembre l’iter di avanzamento già programmato e finanziato

“Sapete quante merci italiane e quanti imprenditori utilizzano con trasporto principalmente su gomma il tunnel del Brennero e purtroppo dobbiamo subire limitazioni settoriali da parte delle autorità del Tirolo che danneggiano fortemente la economia italiana”. Così il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli esprime le sue preoccupazioni a Genova dopo l’incontro con la Commissaria europea per i trasporti Violeta Bulc.

Il tunnel che ancora non esiste

Peccato che il tunnel di cui parla Toninelli sarà terminato non prima del 2025 e sarà utilizzato, inoltre, per il trasporto ferroviario (nella foto lo stato dell’avanzamento dei lavori). Ma non ditelo al ministro altrimenti potrebbe bloccare l’opera come sta pensando di fare per tante opere strategiche già progettate o addirittura iniziate.

Opera che in effetti è stata toccata nel decreto Milleproroghe come ricorda al ministro il senatore Pd Vincenzo D’Arienzo: “Vorrei informare il ministro Toninelli che il tunnel del Brennero, che lui sostiene essere utilizzato da molti autotrasportatori, ancora non esiste. E’ un’opera prioritaria per l’Ue programmata, ma dovrebbe essere costruito per il 2025. E’ incredibile che il ministro non lo sappia. Cosa ancor più grave è che lo stesso Toninelli, evidentemente a sua insaputa, con il Milleproroghe ne ha differito la costruzione del tunnel spostando a dicembre l’iter di avanzamento già programmato e finanziato. Lo invito a venire a vedere con me in loco lo stato dei lavori”.

Ora si dirà che questa è soltanto una gaffe innocua, che alla fine non ha detto niente di male. Ma se un ministro delle Infrastrutture non sa che un’opera ancora non esiste e davanti ai microfoni dei cronisti dice il contrario, accusando per giunta un altro Paese di limitare il transito del tunnel stesso, la cosa è grave. Anche perché asserisce che la Commissione ha garantito all’Italia che l’aiuterà a garantire la libera circolazione delle merci.

La frase non poteva non suscitare l’ironia della rete e i commenti dell’opposizione.

https://twitter.com/AndreaRomano9/status/1049636822475780096

 

 

 

 

Vedi anche

Altri articoli