Un Azzeccagarbugli chiamato Travaglio

Focus

Di Maio deve chiarire in Parlamento se sapeva oppure no

I ragazzi del Fatto stanno spintonando per guadagnarsi l’incarico di avvocati di Antonio Di Maio, il padre di Luigi. Avvocati di cui ovviamente non c’è bisogno dato che egli non è indagato. I “garbugli” cui penosamente ricorre Marco Travaglio risultano dunque privi di senso, quando non ridicoli (“Papà Renzi e papà Boschi avevano incarichi di pubblico rilevo, rispettivamente segretario del Pd a Rignano sull’Arno (sic) e vicepresidente- consigliere d’amministrazione della decotta Banca Etruria. Mentre papà Di Maio è un privato cittadino…”).  Tralasciamo che Pierluigi Boschi ieri ha ricevuto due decreti di archiviazione, perché non ci mettiamo su questo terreno, resta il fatto che il direttore del Fatto e il suo segugio numero uno Marco Lillo, a differenza del personaggio manzoniano, i garbugli non li azzeccano proprio. Ma il problema non è nemmeno questo. Saremo banali, ma a noi pare che la questione sia diversa e  molto più semplice.  

Il problema non è la rivalsa del Pd sui padri e sui figli. Il problema – tutto politico e, forse, istituzionale – è chiarire se il ministro del Lavoro sia stato in qualche modo coinvolto nei (finora presunti) illeciti commessi da suo padre con le assunzioni in nero di alcuni cittadini. Negli Stati Uniti quel ministro del Lavoro si sarebbe già dimesso o sarebbe stato costretto alle dimissioni. Siccome in Italia siamo più garantisti e non puritani giustamente si attende di capire cosa sia successo. Sapeva, Luigi Di Maio, o non sapeva? Risponda a questa semplice domanda, magari in Parlamento. Invece di stampare tessere inesistenti per un inesistente reddito di cittadinanza, ci dica che rapporti giuridici ebbe con l’azienda Ardima. Si concentri, senza farsi distrarre dagli azzeccargarbugli che lo confondono con vicende che non c’entrano nulla – Renzi, Boschi – e che peraltro si stanno  confermando bufale.  Faccia presto, perché le ombre si allungano e presto arriva la notte.

 

 

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli