Il Governo si impegni per la Scuola di Ventotene Altiero Spinelli

Focus

Il Partito democratico presenta una mozione per impegnare il governo ad avviare tutti gli sforzi affinché la Scuola di Ventotene diventi un bene pubblico

L’isola di Ventotene è uno dei simboli dell’Europa unita. Durante i governi di centrosinistra più volte i premier Matteo Renzi e Paolo Gentiloni hanno richiamato l’isola affacciata sulla costa laziale, dove Altiero Spinelli scrisse il manifesto di Ventotene, uno dei pilastri dell’Europa.

E’ per questo che da tre anni ragazzi di tutta Europa partecipano alla Scuola d’Europa di Ventotene. In questi anni i ragazzi hanno seguito le lezioni, prodotto documenti. Un vero e proprio laboratorio europeo in cui i giovani s’incontrano e parlano della nuova Europa. La scuola vive grazie all’iniziativa dell’associazione La Nuova Europa presieduta da Roberto Sommella, cittadino onorario dell’isola del Manifesto europeista.

Ma non basta e dunque il Partito democratico ha deciso di presentare una mozione in Senato che impegna il governo ad avviare tutti gli sforzi affinché la Scuola di Ventotene Altiero Spinelli diventi un bene pubblico e una vera palestra per la cittadinanza europea. È l’obiettivo di una mozione presentata in Senato dal Partito Democratico, prima firmataria Valeria Fedeli, da Più Europa e altri esponenti della sinistra (un’altra mozione analoga di appoggio arriverà da Forza Italia) affinché l’Italia si doti di una vera Scuola d’Europa, sulla scorta di quanto fatto a livello sperimentale dall’associazione La Nuova Europa presieduta da Roberto Sommella, cittadino onorario dell’isola del Manifesto europeista.

In particolare, la mozione ricorda che occorre appunto ripartire dai principi ispiratori del Manifesto di Ventotene, cominciando dalla lettura e dalla riflessione su quel testo e sull’esperienza delle guerre, delle dittature e della violenza da cui quelle parole di pace scaturivano, a tanti anni di distanza, perché in un momento storico così difficile per il mondo intero, è necessario rilanciare proprio quel progetto di pace e di Europa, partendo dalla cittadinanza europea.  

In questo senso, per i firmatari bisogna mettere mano a profonde riforme dell’Unione Europea, recuperando quello spirito sociale per cui era nata e che si è perso via via nel tempo per il predominio della logica esclusivamente contabile; e i protagonisti di questo progetto non possono che essere i giovani d’Europa, affinché si facciano loro stessi promotori di quel processo di integrazione e condivisione che ha nella conquista e nel mantenimento della libera circolazione il suo presupposto ineludibile e nell’acquisizione profonda della cittadinanza europea il suo obiettivo più alto. 

La realizzazione del progetto Scuola d’Europa sarebbe anche facile, laddove il governo Conte coglierà questo spirito che deve coinvolgere in modo bipartisan le diverse forze politiche. A Ventotene, nella Scuola statale Altiero Spinelli ci sono già le aule, i banchi, le attrezzature multimediali, gli spazi per vivere la contemporaneità, ma mancano i ragazzi, dato che l’isola vive un drammatico spopolamento durante l’inverno, e che una Scuola d’Europa rappresenta l’occasione per far incontrare ragazze e ragazzi da tutta Europa per fare esperienza viva di cittadinanza; i costi di una tale realizzazione sarebbero quindi contenuti.

La mozione impegna quindi il governo  “a mettere a disposizione risorse ad hoc e strumenti per realizzare il progetto della Scuola d’Europa come percorso innovativo di lunga durata e ad alto impatto sociale” e a riconoscere la Scuola di Ventotene “come luogo di interesse pubblice quindi a concorrere all’elaborazione di un curricolo di educazione civica europea che contempli le questioni fondamentali dell’Europa di oggi in chiave storica, politica, giuridica, scientifica, artistica e culturale”. 

Obiettivo finale del progetto è quello di sostenere, anche attraverso iniziative come la Scuola d’Europa, un percorso formativo e conoscitivo delle giovani generazioni verso una consapevole acquisizione di cittadinanza europea che ponga le sue basi sullo studio della storia del ‘900 e dell’Europa unita. 

Un modo per aiutare le nuove generazioni ad apprezzare di più l’Europa unita, a comprendere i motivi che spinsero tanti, primo fra tutti Altiero Spinelli, a dedicarsi anima e cuore ad un sogno che oggi è realtà. Ma allo stesso tempo un modo per riunire i ragazzi di tutta Europa, affinché possano progettare anche l’Europa che verrà.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli