Vettel vince ancora, questa Ferrari è da titolo

Focus

Il pilota tedesco conquista la seconda vittoria in tre gare, ora a Maranello si crede nel titolo

L’ultima volta che la Ferrari è andata vicino al titolo mondiale piloti in Formula 1 è stata la stagione 2010, quando Sebastian Vettel su Red Bull strappò all’ultima gara il primo posto al ferrarista Alonso. Da quel momento iniziò l’epopea del tedesco che dopo il titolo 2010 ne conquistò altri tre consecutivamente.

Le successive sei stagioni sono state molto dure per i tifosi della Rossa, che hanno assistito impotenti alle vittorie altrui e allo strapotere prima Red Bull e poi Mercedes. Quest’anno la situazione è molto cambiata, con una Ferrari finalmente competitiva e che può battagliare fino alla fine con le Frecce d’Argento.

Ancora è presto per dire se la stagione si concluderà con il tanto agognato titolo, e la Mercedes sembra ancora leggermente favorita, ma il primo posto nel mondiale piloti e costruttori dopo tre gare fa ben sperare.

Se la scorsa domenica una safety car aveva inibito la strategia aggressiva della Rossa, costringendo Vettel a chiudere dietro le spalle di Hamilton, questa volta la safety car non ha influito e il pilota tedesco si è potuto involare solitario verso la vittoria. Nel finale Hamilton ha provato a farsi sotto, ma il ferrarista ha gestito in maniera tranquilla mantenendo un vantaggio di sicurezza.

Gran parte di questa vittoria Vettel lo ha costruito alla prima curva, quando partendo dalla terza casella è riuscito a scavalcare con una grande partenza Hamilton. Dietro quelli che sembrano i rivali dichiarati per il titolo è giunto l’altro pilota Mercedes Valtteri Bottas, che con la sua costanza si sta dimostrando un’ottima seconda guida. Quarto, anche se staccato Kimi Räikkönen, mai coinvolto nella lotta per il podio. 

E’ proprio il finlandese l’unica nota stonata in questo bell’inizio di stagione. Non sembra aver lo stesso feeling con la macchina che ha Vettel, comunque oggi a differenza della gara in Cina è stato molto più combattivo. Ora il circus si sposterà in Europa, in Russia il 30 aprile. Sarà l’ennesimo banco di prova per la Ferrari, e forse si capirà meglio se le prime tre gare sono state solo un caso o se realmente battaglierà per tutta la stagione con la Mercedes, che fino alla scorsa stagione sembrava irraggiungibile.

Arrivano i complimenti per la vittoria anche dal mondo della politica, con il premier Gentiloni che si dice orgoglioso per la Ferrari.

Anche il ministro per lo Sport Luca Lotti è entusiasta per la vittoria della Rossa.

L’orgoglio di sentire l’Inno di Mameli cantato sotto il podio è al centro del tweet di Matteo Renzi.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli