Il voto in Friuli Venezia Giulia: Fedriga a valanga, poi centrosinistra davanti a M5s

Focus

Bolzonello davanti a Morgera. Nel voto di lista in testa la Lega, seguita dal Pd. Pesa l’affluenza sotto il 50%

Iniziato alle 8 lo spoglio delle schede relative alle elezioni regionali in Friuli Venezia Giulia. Sono 1.369 i seggi nelle cinque circoscrizioni elettorali in cui è suddivisa la regione,  e saranno 549.806 le schede da scrutinare. L’affluenza alle urne è stata del 49,65%, leggermente inferiore rispetto a quella di cinque anni fa, quando alle urne si recò il 50,48% degli aventi diritto.

L’analisi dei dati provinciali rivela che la “fuga” dalle urne è stata meno massiccia a Udine che, con un’affluenza del 52%, si piazza al primo posto. Maglia nera a Trieste con il 43,9%. Nella circoscrizione di Gorizia ha votato invece il 50,7%, a Tolmezzo il 47,6% e a Pordenone il 49,7%.

Ore 15,30 – Quando sono state scrutinate 61 sezioni su 98 alle elezioni comunali di Udine è avanti il candidato di centrodestra Pietro Fontanini con il 41,05%, seguito dal candidato di centrosinistra Vincenzo Martines al 36,52%. Pompea Maria Rosaria Capozzi (M5s) è all’8,14%.

Ore 14,30 – Fedriga: spero nella collaborazione con Bolzonello. Il neo-governatore del Friuli Venezia Giulia ringrazia il candidato del centrosinistra Sergio Bolzonello “per la chiamata che ha fatto” e aggiunge: “Spero che da fronti opposti ci possa essere una collaborazione, perché credo sia utile ascoltare chi ha governato in questi ultimi 5 anni, con le dovute differenze”.

Ore 13,40 – A Udine quando sono state scrutinate 23 sezioni su 98 il Pd è il primo partito con il 22%. Segue la Lega con il 21,6%. Lontani Forza Italia con il 9,2% e il M5s con il 9%.

Ore 13,30 – E’ iniziato lo scrutinio per le amministrative. A Udine, l’unico capoluogo di provincia chiamato a rinnovare l’amministrazione, è testa a testa tra il centrodestra e il centrosinistra che si contenderanno la guida della città al ballottaggio. In testa Pietro Fontanini (cdx) con il 40,2% seguito da vicino da Vincenzo Martines (csx) con il 38,2%. Lontani gli altri candidati: Pompea Maria Rosaria Capozzi (M5s) 8,4%, Enrico Bertossi (civico) sfiora il 7%. Gli altri candidati si attestano tra il 2,9 e lo 0,9%.

Ore 13,10 –  Quando ormai mancano una manciata di sezioni il quadro è delineato. Tra i partiti grande successo della Lega che passa dal 25,8% delle politiche al 34,9%. Tiene il Pd che conferma il 18% delle politiche, con qualche decimale in meno – sul quale pesa la presenza delle liste civiche -. Crolla il M5s che conquista l’11,7% con il candidato, ma solo il 7,1% di lista. Due mesi fa il partito di Di Maio raggiunse il 24,8%.

Ore 12,10 – Mancano poco più di duecento sezioni per il completamento dello spoglio. La Lega nord supera di un soffio la soglia del 35%; gli altri partiti confermano sostanzialmente i risultati dei precedenti aggiornamenti:. il Pd rimane il secondo partito con il 18,39%; Poi Forza Italia con il 12,12% e il Movimento 5 stelle con il 7,27%.

Ore 11,20 – A scrutinio ultimato in 941 sezioni su 1.369, questi i voti riportati dalle singole liste nelle regionali del Friuli Venezia Giulia: Lega nord 34,73%; Partito democratico 18,73%; Forza Italia 11,97%; Movimento 5 stelle 7,45%. Su Facebook Massimiliano Fedriga ha commentato il risultato che lo vede vincitore e nuovo governatore della Regione: “Grazie alla mia gente. Grazie alla mia terra. Ora al lavoro ascoltando e costruendo”.

Ore 10,49 – Scrutinate circa la metà delle sezioni per le Regionali in Friuli Venezia Giulia: la Lega risulta prima per preferenze dei votanti col 33,94%. Seguita dal Pd al 19,33% e da Forza Italia all’11,99%. Il Movimento Cinque Stelle è al momento il quarto con 7,68%.

Ore 10,39 – “Ho appena sentito Massimiliano Fedriga al telefono e mi sono complimentato per il risultato che ha ottenuto, io ora starò all’opposizione con lo spirito di chi sa di lasciare una Regione in ottima salute e che tale dovrà rimanere nei prossimi 5 anni”. Così Sergio Bolzonello, candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione, si è congratulato con il suo competitor del centrodestra, indirizzato verso una larga vittoria.

Ore 10,13 – A scrutinio ultimato in 476 delle 1.369 sezioni nella corsa alla presidenza è in testa Massimiliano Fedriga (centrodestra) con il 55,61% dei voti; seguono Sergio Bolzonello (centrosinistra) con il 28,55%, Alessandro Fraleoni Morgera (M5s) con il 12,95% e Sergio Cecotti (Patto per l’Autonomia) con il 2,89%.

Ore 9,59 – Per quanto riguarda i risultati di lista, Lega primo partito con il 33,34%, il Pd è al 20,38%, Forza Italia al 13,28%, Il M5S all’8,11% e Fratelli d’Italia al 6,02%.

Ore 9,17 – Con 87 sezioni scrutinate, cresce il vantaggio di Fedriga, al 56%. Bolzonello al 28,3% e Morgera al 14,0%.

Ore 8,55 – Siamo a 24 sezioni scrutinate: Fedriga in testa con il 55,77% dei voti, seguito da Bolzonello del centrosinistra al 28,49%, Morgera del M5s al 14,65% e Cecotti del patto per l’Autonomia all’1,07%. Per quanto riguarda i risultati di lista, con 14 sezioni scrutinate la Lega si conferma il primo partito al 30,22%, seguita dal Pd al 18,26%.

Ore 8,44 – Prime 12 sezioni scrutinate su 1369: Fedriga al 52,72%, Bolzonello al 30,63%, Fraleoni Morgera al 15,73% e Cecotti 0,9%

Ore 8,40 – Quaranta minuti dopo l’inizio dello spoglio, le sezioni scrutinate sono 8 su 1369: Massimiliano Fedriga (centrodestra) risulta in testa con il 52,34% dei voti, seguito da Bolzonello (centrosinistra) al 31,07%, Morgera (Movimento 5 Stelle) al 15,59% e Cecotti (Patto per l’autonomia) all’1%.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi le notizie di Democratica una volta al giorno direttamente nella tua email.

Vedi anche

Altri articoli